lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di MASSIMO VENTURELLI 22 set 07:51

Poliambulanza: le note di Paolo Fresu per i pazienti oncologici

Nel pomeriggio di ieri la straordinaria esibizione del jazzista italiano e del pianista Omar Sosa concerto "a porte chiuse" in via Bissolati

È stato il reparto di Oncologia dell’Istituto Ospedaliero Fondazione Poliambulanza di Brescia, ad accogliere, ieri, il concerto di due artisti di caratura mondiale del jazz italo/cubano: Paolo Fresu alla tromba e al flicorno e Omar Sosa alle tastiere. L’esibizione dei due artisti, non pubblicizzata perché riservata esclusivamente ai pazienti della struttura, ha regalato momenti unici ed intensi, rivestendo la musica di un potere taumaturgico e vitalizzante. Le corsie solitamente silenziose hanno risuonato di ritmi vitali e gioiosi e in moltissimi sono accorsi a godere dello spettacolo.

“Siamo stati molto onorati di accogliere nuovamente tra noi Paolo Fresu per questo spazio nel contesto del progetto “Note per l’Oncologia”, che ha visto in passato anche la partecipazione di numerosi artisti di caratura internazionale e la stretta collaborazione con il Conservatorio Luca Marenzio di Brescia. Tutto è finalizzato al paziente oncologico che deve rimanere al centro delle nostre attenzioni per una presa in carico più globale” ha dichiarato il dottor Meriggi, medico oncologo responsabile dell’unità Day Hospital – Mac.

Paolo Fresu,  insieme ad Omar Sosa, già 5 anni fa accompagnò i pazienti dell’Oncologia con le sue note, ha così spiegato il motivo di della sua presenza in Poliambulanza: "Ho accettato molto volentieri di tornare, perché è sempre una forte emozione quella di poter contribuire ad alleviare la sofferenza di qualcuno. Anch’io recentemente sono rimasto toccato da un’esperienza oncologica famigliare ed oggi ho suonato pensando anche a lei”.

Il concerto di ieri si inserisce nel percorso che Fondazione Poliambulanza porta avanti sin dalla sua nascita: trasformare sempre più l’ospedale in qualcosa di vitale e di vicino alle persone che possano godere dell’arte, anche nei momenti in cui le difficoltà della vita possono rendersi più impegnative. I due artisti si sono esibiti a titolo completamente gratuito.

MASSIMO VENTURELLI 22 set 07:51