lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 31 mar 13:42

Un Coontatto tra imprese sociali

Siglato nei giorni scorsi un contratto di rete tra dieci realtà per dar vita ad un’aggregazione di cooperative sociali aderenti capace di identificare un nuovo modello imprenditoriale cooperativo

È stato siglato nei giorni scorsi con atto notarile tra 10 cooperative sociali attive nell’ambito della salute mentale in provincia di Brescia e aderenti a Confcooperative Brescia il contratto di rete denominato “Coontatto”. Il nome e il logo scelti richiamano la natura cooperativistica, il simbolo dell’infinito e il concetto di relazione che accomunano le 10 imprese sociali impegnate nel progetto.

(La Rete di Brescia. Il Gabbiano di Pontevico, Fraternità Giovani di Ospitaletto; Comunità Fraternità  di Ospitaletto; Gaia di Lumezzane; Comunità Maddalena di Visano; La Nuvola di Orzinuovi; La Rondine di Mazzano; Nuovo Cortile di Rodengo Saiano; Diogene di Iseo). L’idea della rete nasce già nel 2014 nell’ambito di un percorso formativo promosso dal Consorzio Koinon e da Confcooperative Federsolidarietà Brescia, con l’obiettivo di dar vita ad un’aggregazione di cooperative sociali aderenti capace di identificare un nuovo modello imprenditoriale cooperativo, interpretare i mutamenti in corso e migliorare il posizionamento strategico della rete e delle singole imprese nell’ambito della salute mentale. Nell’arco degli anni successivi il gruppo di coordinamento, che si era creato dopo il percorso di formazione, ha svolto molte iniziative: una ricerca sugli aspetti valoriali terminata con la pubblicazione di un lungo articolo su “Animazione Sociale” rivista specializzata del Terzo Settore, una seconda ricerca sugli aspetti economici affidata al Centro Studi “Socialis” e numerosi interventi in diversi convegni e iniziative sul tema della salute mentale.

La raccolta e rielaborazione dei dati aggregati riferiti alle cooperative aderenti a Confcooperative Brescia operanti nell’ambito della salute mentale ha messo in evidenzia la “forza” della rete in termini di capacità ricettiva, di estensione territoriale, di fatturato: 481 posti tra residenziali, semiresidenziali, ambulatoriali o territoriali; 561 pazienti trattati, valore produzione 12 milioni di euro; circa 50 pazienti delle Unità Operative inseriti in attività lavorative diversamente protette; circa 80 pazienti impiegati in Sar esterne. “Coontatto” come soggetto giuridico intende quindi perseguire, nel prossimo triennio, con una maggiore consapevolezza circa le opportunità di crescita della qualità dei servizi, sperimentare nuovi modelli assistenziali e riabilitativi innovativi ad integrazione ed in alternativa alle esperienze in strutture residenziali così come oggi sono formulate, proporre progetti destinati a pazienti psichiatrici sufficientemente stabili da poter vivere al di fuori delle strutture, garantire un riferimento stabile ed unitario nei confronti degli enti pubblici, nel comune obiettivo di migliorare la qualità di vita delle persone con disagio psichico.  

Presidente dell’organo comune che governerà e gestirà il contratto di rete è stata scelta Emanuela La Fede della cooperativa Il Gabbiano. Con lei il vice Presidente Ruggero Radici della cooperativa La Rondine. L’organo comune è composto da un membro di ogni cooperativa coinvolta nel contratto: Michela Merigo per la Cooperativa La Rete, Silvio Lancini per la cooperativa Gaia, Benedetta Verità per la cooperativa Comunità Fraternità, Mariateresa Esti per la cooperativa  Comunità Maddalena, Massimo Belandi per la cooperativa Fraternità Giovani, Costanza Lanzanova per la cooperativa La Nuvola, Mauro Gavazzi per la cooperativa Nuovo Cortile e Jessica Milani per la cooperativa Diogene. La sede legale è presso Confcooperative Brescia.

REDAZIONE 31 mar 13:42