lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 08 apr 07:32

Vaccinazioni: le farmacie ci sono

Ascolta

Sono 214 quelle che su base volontaria hanno espresso la disponibilità ad aderire alla campagna vaccinale. Federfarma provvederà a inviare l'elenco al commissario straordinario Figliuolo

Mentre l'Italia raccomanda l'uso di AstraZeneca solo per chi ha più di 60 anni (ma non c’è alcuna controindicazione alla somministrazione della seconda dose a chi, anche più giovane, ricevuto la prima) e a Brixia Forum proseguono i lavori per l’allestimento dell’hub che aprirà i battenti il 12 aprile prossimo, Brescia comunica al Il commissario straordinario per l'emergenza Covid-19, generale Francesco Paolo Figliuolo, il numero delle farmacie che, su base volontaria,  si sono dichiarate interessate a effettuare la campagna vaccinale anti covid. Nomi e indirizzi raccolti da Federfarma Brescia saranno trasmessi quanto prima alla struttura commissariale, in modo che possa predisporre il piano nazionale di distribuzione dei vaccini. Nel Bresciano sono 214 le farmacie che hanno segnalato la loro disponibilità, su 382 in totale (ma non è escluso che altre se ne possano aggiungere in un secondo momento), ovvero il 56 per cento del totale.

Il reclutamento delle farmacie è stato attivato da Federfarma per provvedere, nel più breve tempo possibile alla loro mappatura per organizzare la logistica e permettere al commissario Figliuolo di inserirle nel piano di distribuzione dei vaccini. “Le farmacie bresciane – dichiara la presidente di Federfarma Brescia Clara Mottinelli - sono pronte a dare il loro supporto e sono già tanti anche gli iscritti al corso predisposto dall’Istituto superiore di sanità che si stanno organizzando per essere in grado, non appena saranno disponibili i vaccini, di fare la propria parte nella lotta contro il Covid, come già accaduto con i test sierologici e i tamponi rapidi. Le procedure previste dall’Accordo consentono di garantire i massimi livelli di sicurezza e di effettuare la somministrazione in farmacia con tranquillità. La rete delle farmacie dimostrerà anche in questa occasione la propria efficienza e la propria capacità di rispondere in tempi rapidi e in modo efficace alle esigenze di salute della collettività”.

Le modalità di vaccinazione in farmacia sono già state dettagliate nell'Accordo quadro nazionale, firmato di recente da Governo, Regioni, Federfarma e Assofarm, che ha fissato i requisiti e il ruolo della farmacia in tutto il percorso, dalla prenotazione del vaccino alla fase di consenso informato fino alla somministrazione e osservazione del cittadino.

La vaccinazione in farmacia è già utilizzata in gran parte d’Europa: in Inghilterra i farmacisti vaccinano da mesi con un protocollo del consenso informato analogo a quello italiano perché steso su base europea, così come è sovrapponibile il protocollo operativo dell'assistenza in caso di reazioni avverse, già impiegato anche in Francia.

REDAZIONE 08 apr 07:32