lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE ONLINE 03 ago 00:00

Via Milano: ultimi giorni per aderire alla co-progettazione

Scadrà alle 12 di venerdì 5 agosto l'evidenza pubblica proposta da Palazzo Loggia per la riqualificazione sulla prima periferia della città

Scade alle 12 di venerdì 5 agosto l’evidenza pubblica con cui il Comune apre il tavolo della co-progettazione per via Milano. Un gioco di squadra per immaginare (e realizzare) un cambiamento concreto sulla prima vera periferia della città: via Milano.

I tempi saranno strettissimi: con l’evidenza pubblica, infatti, Palazzo Loggia intende intercettare tutte le realtà interessate a lavorare in sinergia su via Milano e a sedersi al tavolo di co-progettazione con il Comune investendo una quota significativa (pari al 25%) di un progetto coerente con le linee guida individuate dall’Amministrazione.

Già nel pomeriggio di venerdì si riunirà la commissione tecnica che avrà il compito di “ammettere” i partner al tavolo che prenderà il via ufficialmente martedì 9 agosto e che dovrà in meno di tre settimane elaborare un progetto in grado di “innescare un processo di rivitalizzazione economica, sociale e culturale del contesto urbano di riferimento”.

I temi prioritari e non vincolanti per i quali il Comune cerca partner in grado di progettare, realizzare ovvero gestire gli interventi riguardano l’inclusione sociale e la realizzazione di nuovi modelli di welfare metropolitano, la creazione di nuove forme dell’Housing sociale, la promozione culturale, la riqualificazione dello spazio pubblico e la rigenerazione ambientale, lo sviluppo di una mobilità urbana sostenibile e l’implementazione dei servizi connessi alle reti.

Il programma del tavolo di co-progettazione è per altro serrato: al 30 agosto è stato fissato il termine ultimo per presentare non solo un progetto integrato fattibile e con un budget definito, ma anche gli accordi e le intese tra i partner, che dovranno in seguito essere regolati sia in dipendenza dell’esito nazionale, sia nel rispetto della normativa.

Infatti, come riportato all’art. 5, l’avviso “non intende porre in essere alcuna procedura concorsuale e non prevede graduatorie, attribuzioni di punteggio e/o altre classificazioni di merito, né comporta diritto alcuno di ottenere un incarico professionale o un contributo da parte del Comune”.

Le realtà interessata a prendere parte alla co-progettazione di via Milano possono consultare i documenti presenti sul sul sito del Comune di Brescia: http://www.comune.brescia.it/servizi/urbanistica/bandoperiferie2016/Pagine/Avviso-pubblico-per-manifestazione-di-interesse.aspx
REDAZIONE ONLINE 03 ago 00:00