lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di LUCA PELLEGRINI 03 feb 00:00

"Biagio Day", iniziativa per un cinema di qualità e valori

L'intervista a Pasquale Scimeca, regista di "Biagio", il film sul missionario laico siciliano che verrà presentato questa sera, martedì 2 febbraio, alla Sala Aurora di Palazzola

Con il "Biagio day" l'Acec (Associazione cattolica esercenti cinema) inaugura una nuova modalità distributiva a sostegno di un cinema di qualità e ispirato ai valori cristiani. Il film, che viene aiutato nella distribuzione, è “Biagio” di Pasquale Scimeca sulla figura del missionario laico della carità che opera a Palermo. A Brescia il film verrà presentato stasera nella Sala Aurora di Palazzolo.

Radicale e rivoluzionario nella carità, Biagio, missionario laico nella sua Sicilia, è vicino tutti i giorni ai poveri e agli abbandonati, porzione d'umanità che la società rifiuta e nasconde, ma che è carissima agli occhi della Chiesa. Nutrendo una devozione profonda per San Francesco, Pasquale Scimeca ha cercato per anni un personaggio che potesse ispirargli il soggetto di un film. Per caso si è imbattuto nel fondatore della Missione di Speranza e Carità di Palermo, ma non per caso ha dedicato molte delle sue forze e del suo entusiasmo per portare a termine il suo lavoro, Biagio, protagonista Marcello Mazzarella. Abbiamo chiesto al regista siciliano perché un film su questo personaggio.

R. - Il mio film su Biagio in realtà racconta una storia che nasce da un ragazzo che entra in crisi perché non si riconosce più nei valori della civiltà del consumismo - quindi nell’arricchimento, nella ricerca spasmodica del denaro - e si mette in cammino, prima di tutto, alla ricerca di sé stesso, quindi di un’unità dell’essere umano che comprenda anche Dio che si fa uomo; sente il bisogno di conoscere profondamente l’animo degli uomini. Alla fine, troverà questa fede, troverà Dio. La conquista della fede da parte di Biagio non è il frutto di paure o di dogmi; in queste libertà lui trova Dio e lo trova - così come san Francesco ci insegna - guardando in faccia i propri fratelli, i poveri, gli ultimi, i diseredati, gli emarginati, i barboni, i migranti … E quindi, dedicando la sua esistenza ai propri fratelli, trova questa fede che lo rende libero, sereno, che poi credo sia la cosa più importante.

D. - Che cosa può insegnare la figura di Biagio ai giovani?

R. - Io sono convinto che l’arte debba essere anche riempita di contenuti. Vorrei che un ragazzo, un giovane che vede questo film possa capire questo: bisogna avere un pensiero diverso; c’è una strada che si può seguire nel proprio stare al mondo che non è quella che la nostra società ci impone o cerca di imporci. Quindi vorrei che la figura di Biagio, la sua presenza e la sua testimonianza, possano servire come esempio e un tentativo di indicare una strada possibile nel nostro stare al mondo e nel costruire il nostro stare al mondo sia per quanto riguarda il rapporto con sé stessi, quindi la ricerca di una serenità nell’affrontare le cose, sia nel rapporto con gli altri, nel rapporto con la comunità degli uomini nella quale viviamo.

Un film con queste caratteristiche ha faticato non poco a trovare spazio nelle sale. Con il “Biagio day” l’Acec naugura una distribuzione innovativa. Il segretario generale dell'Associazione, Francesco Giraldo, spiega di cosa si tratta.

R. – “Biagio day” è un’iniziativa innovativa che vede più di 150 sale coinvolte - non solo sale della comunità, ma anche sale commerciali dal Nord al Sud Italia per promuovere il film Biagio "scavalcando" gli agenti locali che sono un po’ lo snodo critico in questo momento nella filiera cinematografica e non permettono che tutti quei film di qualità, che ci conducono all’interno di un problema fondamentale che è quello della trasmissione della fede nel mondo contemporaneo, possano arrivare alle sale.
LUCA PELLEGRINI 03 feb 00:00