lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di DANIELE ROCCHI (AGENSIR) 16 ago 12:34

Il popolo siriano muore

La battaglia per la città sulla Via della seta va avanti dal luglio del 2012. La sensazione diffusa tra la popolazione sotto assedio e che si vada allo scontro finale, come testimonia da Aleppo, l'arcivescovo greco-cattolico, monsignor Jean-Clément Jeanbart che parla di una città ormai allo stremo

“Non dimenticateci. Non dimenticate Aleppo”. Lo ripete senza sosta al telefono dalla città martire della Siria, dal 2012 al centro di violenti combattimenti tra le forze fedeli al presidente Assad, sostenute dalla Russia con milizie iraniane, libanesi e irachene e i ribelli. Questi ultimi, proprio in questi giorni, hanno rotto l’assedio lealista alla parte est della città che è nelle loro mani e dove vivono oltre 250.000 civili giunti allo stremo. Epicentro degli scontri la base militare che ospitava l’Accademia di artiglieria nel quartiere sud-occidentale di Ramousah. Notizia smentita da Damasco che per tutta risposta continua a colpire, grazie all’aviazione russa, le aree controllate dai ribelli. Si parla di bombardamenti con bombe a grappolo e con ordigni contenenti cloro e gas tossici. “Se vero, è stato commesso un crimine di guerra” afferma l’Onu che ha avviato un’indagine. “Ma è tutta Aleppo oggi a soffrire per la mancanza di acqua corrente e di elettricità – dice monsignor Jean-Clément Jeanbart, arcivescovo greco-cattolico della città – le battaglie si susseguono in ogni momento, udiamo scoppi di bombe anche nei quartieri residenziali, vediamo colonne di fumo alzarsi. Tanti i morti e i feriti. Difficile dire come andrà a finire. Siamo nelle mani di Dio. Si parla di una tregua umanitaria. Se c’è, nessuno se ne accorge. Le tre ore di cui si parla, concesse dai Russi, non bastano” dice l’arcivescovo che poi annota, “ma sono sufficienti a impedire ai ribelli di riorganizzarsi sul terreno e di riarmarsi. Il rischio, infatti, è che con gli aiuti vengano portati anche armamenti”. Secondo l’inviato dell’Onu per la Siria, Staffan de Mistura, “la Russia sarebbe disposta a discutere un allungamento della ‘pausa umanitaria’ di tre ore proposta nella zona di Aleppo per permettere la consegna degli aiuti umanitari alla città assediata”. L’obiettivo delle Nazioni Unite sarebbe quello di una tregua di almeno 48 ore, un tempo utile per fare arrivare convogli umanitari nella zona assediata.

L’impegno della Chiesa. L’emergenza è continua nella città dove la carenza di medicinali è drammatica come confermato in una lettera a Barack Obama scritta da alcuni medici rimasti a operare nei sotterranei degli ospedali. “Non ci servono lacrime o simpatia o preghiere – si legge nella lettera – ma abbiamo disperatamente bisogno di una no-fly zone su questa parte della città”. La Chiesa locale cerca di fare il possibile per alleviare la sofferenza degli abitanti rimasti. “Con i pochi mezzi che abbiamo portiamo l’acqua in cisterne per distribuirla nelle case e alle famiglie che non hanno un tetto sicuro. Gli sforzi sono rivolti anche alla distribuzione di cibo. Per continuare questa opera abbiamo bisogno di aiuto per questo chiedo alle Chiese nel mondo di aiutarci. Vi saremo molto riconoscenti”. In prima linea negli aiuti anche la parrocchia di padre Ibrahim Alsabagh che sta dirigendo i suoi sforzi per sopperire alla mancanza di generi alimentari e di acqua.

DANIELE ROCCHI (AGENSIR) 16 ago 12:34