lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Castegnato
di REDAZIONE 05 nov 11:25

A Castegnato un convegno sui social

L' incontro è promosso dal Centro De Gasperi di Castegnato, per sensibilizzare sull'uso smodato dei social network e dei loro punti di forza e debolezza. Alle presentazioni don Luca Sabatti e Nicola Vacca, in qualità di relatore Gigio Rancilio, vicecapo redattore di Avvenire

La questione dei social non è una questione meramente tecnologica, ma pone domande dal forte impatto politico ed etico. Sul tema si terrà un convegno all'oratorio di Castegnato venerdì 16 novembre, alle ore 20.30, dal titolo “Potenzialità e rischi dei social: Facebook, WhatsApp, Instagram che vedrà relatore Gigio Rancilio, vicecapo redattore e sociale manager del quotidiano Avvenire, presentato da don Luca Sabatti e Nicola Vacca.

L'incontro promosso dal Centro De Gasperi di Castegnato in collaborazione con l'Associazione Partecipazione & Identità Mino Martinazzoli di Brescia, l'Oratorio e l'Azione Cattolica di Castegnato, vuole essere una occasione di approfondimento per educare all'uso dei social media ma anche recuperare una capacità critica che l'attuale momento sembra aver fatto smarrire ai più. La società informatizzata, del web e dei social media offre tanti vantaggi ed opportunità ma occorre evitare di cadere nella dipendenza diffusa e acritica verso le fonti di informazione. La tecnologia digitale si è imposta velocemente nella vita delle persone modificando abitudini e modelli di comunicazione  che fino ad un recente passato vedeva la famiglia, la scuola, la parrocchia svolgere un ruolo di mediazione regolando contenuti culturali e modalità di fruizione. Ricordava tempo fa Umberto Eco che “i social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere,  mentre ora hanno lo stesso diritto di un Premio Nobel”. Frase vera leggendo idiozie che “postate”, diventano capofila di vere e proprie fiere dell'ovvietà se non della cattiveria gratuita e volgare. 


REDAZIONE 05 nov 11:25