lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 28 set 07:45

La Notte della Cultura è "Dada"

Dalle 18 alle 24 (con un’anteprima pomeridiana per i ragazzi) il centro storico di Brescia diventa una vetrina "Dada", a ricordo del centenario del più irriverente movimento artistico del Novecento europeo. La "Notte" solidale con le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto scorso

Torna sabato 1 ottobre dalle 18 alle 24 (con un’anteprima pomeridiana per i ragazzi) a Brescia la Notte della Cultura che trasformerà il centro storico in una vetrina "Dada" a ricordio del centenario del più irriverente movimento artistico del Novecento europeo

Nella sua edizione 2016 la Notte della Cultura di Brescia si srotola tra vie, piazze, monumenti, teatri e musei offrendo appuntamenti coinvolgenti, originali e di alta levatura, direttamente o liberamente ispirati al dadaismo.

Punto di partenza del viaggio nella Notte della Cultura di Brescia sarà la rassegna “Dada 1916. La nascita dell'antiarte”, che inaugura al Museo di Santa Giulia proprio l'1 ottobre. La mostra, visitabile fino al 26 febbraio 2017, costituisce un progetto originale e unico in Italia. Seppur pensata con un peculiare disegno esplorativo, che indaga in particolare i rapporti del dadaismo con il sud dell'Europa, l'ampiezza e l'articolazione di questa mostra la rendono ricca ed esaustiva, pienamente in grado di far comprendere come Dada sia stato non solo un movimento artistico, ma un fatto culturale a trecentosessanta gradi.

Per il popolo della notte (della cultura), sabato 1 ottobre la mostra aprirà gratuitamente i battenti dalle ore 20 fino alle 24. Accesso gratuito anche per l'altra mostra che inaugura in Santa Giulia nella stessa giornata, ossia “Romolo Romani 1884-1916 Sensazioni, figure, simboli”, realizzata in occasione dei cento anni della scomparsa del grande artista milanese (ma bresciano d'adozione), e per le diverse sezioni permanenti e temporanee del Museo e del Parco Archeologico di Brixia Romana.

Ideale proseguimento (ma anche perfetto prologo) alla visita della mostra, il percorso teatrale prodotto dal Ctb per la regia di Sara Poli. Immediatamente Dada è uno spettacolo originale ed inedito, un recital itinerante che percorre via Musei partendo dalla piazzetta antistante la chiesa di Santa Maria della Carità, fa tappa al Capitolium e si conclude all’interno del Teatro Romano.

Le voci di Laura Curino e Luca Micheletti si alternano con le note evocative create appositamente per lo spettacolo dalla violoncellista Daniela Savoldi; le immagini proiettate sulle imponenti rovine del Teatro Romano raccontano attraverso i volti e le opere chi furono e che tracce lasciarono i protagonisti del movimento dadaista; testi di Tzara, Picabia, Ball ci accompagneranno nella riscoperta di un movimento che ha influenzato così tanto l’arte durando poco più di un soffio.

Cosa fosse Dada ancora oggi non si è capito. Solo i dadaisti sanno cosa sia Dada. E non lo dicono a nessuno, dicevano di sé. Fu così tante cose che Dada means nothing. Ma dal nulla nasce il nuovo. Due le repliche del percorso, alle 20 e alle 21.45, la partecipazione è gratuita, ma con prenotazione obbligatoria per l’accesso alla parte finale nel teatro romano.

 Irrinunciabile tappa nel percorso della nostra Notte Dada della Cultura, lo spettacolo “Nessi” di e con Alessandro Bergonzoni, al Teatro Sociale alle 21.30.

"Nessi", ovvero connessioni ma anche fili tesi e tirati, trame e reti, tessute e intrecciate per collegarsi con il resto del pianeta. O meglio dell'universo. Proprio questo è il nucleo vivo e pulsante dello spettacolo dell'artista bolognese: la necessità assoluta e contemporanea di vivere collegati con altre vite, altri orizzonti, altre esperienze, non necessariamente e solamente umane che ci possono così permettere percorsi oltre l'io finito per espandersi verso un "noi" veramente universale. Uno spettacolo che può considerarsi “dadaista” per lo spirito di libera sperimentazione espressiva e linguistica. Come i dadaisti, Bergonzoni aggredisce i luoghi comuni, le frasi fatte, stravolgendoli nel maggior numero di esiti possibili, ricercando analogie, per lo più foniche, con parole e modi di dire vicini. Uno spettacolo di comicità travolgente e pura, che prende il via da un pretesto realistico ma lo smonta immediatamente per riproporlo secondo tutt’altro disegno, allo stesso tempo improbabile e rigoroso.

Questo dunque il percorso principale di un intrigante viaggio notturno fra i temi e le forme del Dada. Ma, si sa, il piacere di ogni viaggio risiede proprio nelle deviazioni. E così sarà anche per la Notte Dada della Cultura. Si innestano infatti su questo percorso più marcatamente tematico, molti altri appuntamenti che non mancheranno di attrarre l’interesse e il gradimento del pubblico, a cominciare dal concerto di Paola Turci in piazza Paolo VI (ore 22), l’occasione per ascoltare Io sono, l’ultimo lavoro di una fra le cantautrici più intense del panorama musicale italiano.

E poi le visite guidate alle chiese e ai palazzi della città, alla magnificente Biblioteca Queriniana, le visite nella Brescia sotterranea, l’aperitivo multisensoriale di Supernova in corso Zanardelli, il concerto interattivo dei Clockbeats in San Barnaba, il Jazz nella Chiesa di San Giorgio, gli chansonniers dei caffè parigini in piazzetta Pallata, il cinema dei fratelli Lumière al Nuovo Eden, la banda cittadina Isidoro Capitanio e quella di Borgosatollo, le mostre fotografiche del MaCof a Brend e quelle del Museo Nazionale della Fotografia al Carmine, passando per la rassegna dedicata all’installazione di Christo in Broletto.

Nella Notte della Cultura, un percorso da godersi fino in fondo è quello tra le molte gallerie d’arte che hanno aderito alla manifestazione e che rimarranno aperte, ognuna con una propria speciale proposta per la serata, fino a mezzanotte.

Importante, come è stato sottolineato in sede di presentazione dell'iniziativa, è sottolineare che il senso della Notte della Cultura non risiede solo nel programma che propongono (un programma che, peraltro, cresce e si arricchisce di anno in anno) ma anche e soprattutto nello spirito di trasformazione e animazione della città, nell’invito rivolto a tutti a uscire per condividere in compagnia una serata piacevole, divertente, ma anche profonda, ricca di contenuti, in grado di arricchire ciò che siamo.

In questo senso, l’edizione 2016 della "Notte della Cultura" ha un motivo in più per richiamare tutti a partecipare: la raccolta fondi a favore delle zone colpite dal terremoto del 24 agosto scorso. Grazie alla collaborazione di Slow Food e alla partecipazione di molti bar, ristoranti ed esercizi del centro sarà possibile partecipare alla ricostruzione delle aree devastate, scegliendo di gustare un piatto di amatriciana nei locali che aderiscono all’iniziativa e riconoscibili dalla locandina esposta.

Interamente devoluto a tale scopo benefico sarà anche l’incasso dello spettacolo di Bergonzoni (biglietto unico 3 euro), oltre che le offerte che potranno essere lasciate per partecipare alle visite guidate o all’ingresso di Santa Giulia e che saranno raccolte tramite la Croce Rossa.

REDAZIONE 28 set 07:45