lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di M. VENTURELLI 28 ago 00:00

Ri-scatti: nella fotografia i volti e l'arte dei senza fissa dimora

Sino al 12 settembre a Palazzo Martinengo Cesaresco sono esposti 95 scatti realizzati da 13 senza tetto della stazione centrale di Milano

Dopo il successo di Milano arriva a Brescia, dal 27 agosto al 12 settembre, la mostra itinerante di fotografia che raccoglie opere di artisti senza fissa dimora. A promuovere l’iniziativa è stata Riscatti (www.ri-scatti.it), associazione di volontariato nata nel 2015 con l’obiettivo di promuovere l’integrazione e dare un’ opportunità di riscatto sociale. L’evento è il risultato del progetto nato nel 2014 da un’idea di Federica Balestrieri, giornalista Rai e fondatrice dell’associazione Riscatti, che ha coinvolto 15 senza tetto in un percorso formativo fotografico sviluppatosi poi in un concorso e infine nella mostra. La mostra si propone di portare alla luce momenti di vita ai confini della povertà, raccontati dagli stessi protagonisti.

Negli spazi espositivi di Palazzo Martinengo Cesaresco sono esposti gli scatti di 15 senza fissa dimora, uomini e donne di diversa nazionalità, individuati dal Centro Aiuto Stazione Centrale del Comune di Milano tra le persone seguite dai Servizi sociali. Per due mesi hanno frequentato un corso di fotografia tenuto dai fotoreporter Gianmarco Maraviglia e Aldo Soligno. Hanno, così, potuto apprendere il linguaggio e le tecniche della fotografia e raccontare, attraverso i loro scatti da protagonisti, la propria esperienza di vita, misurandosi in seguito in un concorso finale. La mostra propone 95 foto, scelte tra numerosi scatti, sono state esposte e messe in vendita in occasione della mostra Ri-scatti, fotografi senza fissa dimora, tenutasi a febbraio 2015 al Pac di Milano.

I fondi raccolti sono andati, per metà, ai fotografi che hanno partecipato al progetto e a supporto di altre iniziative rivolte ai senza fissa dimora; l’altra parte, a sostegno del reddito di due persone in difficoltà, coinvolte nel social market dell’Associazione Terza Settimana a Milano. La mostra che arriva a Brescia ha aperto nuove prospettive per alcuni dei fotografi: Dino Bertoli, Sofiene Bouzayene, Karim Hamras e Massimo La Fauci, grazie all’agenzia fotogiornalistica Echo Photo Journalism, hanno potuto vendere nel circuito internazionale i loro scatti, distribuiti alla pari di quelle degli altri fotografi dell’agenzia attraverso una sezione a loro espressamente dedicata.
M. VENTURELLI 28 ago 00:00