lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 13 set 16:28

White Landscapes

Al Ken Damy Visual Art – Museo Ken Damy la mostra “White Landscapes”, un’esposizione che raccoglie i lavori di Laura Pedizzi e Massimo Levati, due artisti bresciani la cui ricerca, attraverso linguaggi e tecniche nettamente differenti, scava nell’interiorità umana, tra bianco e buio, facendo emergere ciò che è doloroso e inevitabile nella nostra esistenza

Venerdì 14 settembre alle 18.30 inaugura al Ken Damy Visual Art – Museo Ken Damy la mostra “White Landscapes”, un’esposizione che raccoglie i lavori di Laura Pedizzi e Massimo Levati (nella foto l'opera "Gelo"), due artisti bresciani la cui ricerca, attraverso linguaggi e tecniche nettamente differenti, scava nell’interiorità umana, tra bianco e buio, facendo emergere ciò che è doloroso e inevitabile nella nostra esistenza.   

“Ci siamo incontrati negli spazi del mestiere e fin da subito ci siamo riconosciuti – commenta Laura Pedizzi, classe 1986, artista figurativa bresciana vincitrice del Premio Arte Cairo Editore Mondadori nel 2016 e del Premio Speciale dell’ Art Laguna Prize nel 2018 – sia i suoi lavori che i miei hanno confini che si tracciano e non si tracciano, utilizzano il bianco per raccontare, si elaborano partendo da una necessità, da un dolore, da una mancanza, da una ricerca di identità”. Una ricerca comune che presenta interessanti aspetti di separazione.

Massimo Levati, classe 1977, autodidatta, inizia a incidere e intessere la carta con punteruolo e lame, completamente a mano. Le sue opere sono operazioni chirurgiche, rappresentazioni di studi fisiologi degli organismi, riflettono il disagio della malattia, il dolore della ferita, la condizione universale di sofferenza, la disperazione come condizione umana persistente. Un lavoro quasi maniacale - dove fili di carta tagliati a mano, uno a uno, vengono intessuti nella carta - che esprime una dichiarata tendenza nichilista. “Il mio è un lavoro che si esegue con gli addominali tesi, non puoi sbagliare, è un lavoro su e contro di te, di cammino, di salita, di espiazione”.

Se le opere di Laura Pedizzi descrivono un senso di alienazione con il linguaggio contemporaneo figurativo, Massimo Levati entra nel dolore, lo analizza al microscopio per poi intesserlo tra carta e carta giungendo a un risultato estetico decisamente interessante e accogliente, la cui voce però è esattamente l’opposto, un grido di dolore e di scontro.

La mostra resta aperta fino al 29 settembre, le aperture sono secondo i seguenti orari: giovedì e venerdì dalle 18 alle 21, sabato e domenica dalle 16 alle 21.

REDAZIONE 13 set 16:28