lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Idro
di MATTIA SAPONARA 08 mag 10:02

Idro: inaugurata la fattoria Mirtilla

"La Mirtilla" è un centro esperienziale aperto in via Vagne ad Idro, dove le persone con disabilità (e non solo) possono fare esperienze di pet therapy. Nello specifico, la Fattoria è un centro di onoterapia. I risultati finora raccolti sono stupefacenti e la fattoria "La Mirtilla" ha come obiettivo quello di diventare un centro specialistico per il trattamento di terapie assistite con animali

È stata inaugurata a Idro la Fattoria “La Mirtilla”, un centro esperienziale totalmente immerso nella natura. Un progetto promosso dal programma AttivAree di Fondazione Cariplo, atto a sviluppare servizi innovativi in Valle Sabbia. Sarà la Cooperativa Co.Ge.S.S. a gestire questa fattoria, ultimo tassello di un ampio progetto. “È un’idea che avevamo da tempo” ha spiegato il presidente di Co.Ge.S.S. Angelo Tosana. “Un’idea maturata in molti anni, sin da quando un utente è arrivato a vivere da noi e ha iniziato un periodo di depressione perché gli mancava la vita tra gli animali che aveva con lo zio. Le colleghe si sono mosse immediatamente e hanno trovato un terreno con una casa che è stata adibita a fattoria rudimentale. Da allora si è pensato di svilupparla come centro di onoterapia, centrato cioè sugli asini. Già numerosi dei nostri utenti hanno provato quest’esperienza ricavando risultati stupefacenti. Gli animali stimolano le persone, in particolar modo se con disabilità, a sviluppare empatia. Grazie a Cariplo e ‘Un Sorriso per Tutti’ di Idro è stato possibile realizzare questo progetto, acquistare un terreno adatto e dare vita a un centro organizzato per accogliere decine di persone. Come nome è stato scelto quello del primo asino nato nella nuova sede, Mirtilla appunto”.

Non solo persone con disabilità, ma anche scuole del territorio per gite scolastiche e turisti. La fattoria Mirtilla si trova a poche decine di metri dalla strada principale, rimanendo completamente immersa nel verde. "Iniziamo come centro educativo esperienziale” ha sottolineato Francesca Crescini coordinatrice e responsabile della fattoria “con anche laboratori didattici per le scuole e i turisti, grazie a pacchetti ad hoc, ma più avanti ci piacerebbe far accreditare la struttura come centro specialistico in TAA (terapie assistite con animali). Abbiamo un’equipe formata, capace di appoggiarsi all’asino come coadiutore per affiancare le terapie tradizionali in tanti ambiti. È scientificamente provato quanto l'animale aumenti a livello esponenziale l’empatia che s’instaura tra terapeuta e paziente, con grandi benefici. Inoltre abbiamo un’enorme risorsa” ha concluso la responsabile “la comunità che ci circonda, composta da tanti volontari che ci aiutano portando le loro conoscenze”.

MATTIA SAPONARA 08 mag 10:02