lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Bedizzole
di MATTIA SAPONARA 18 dic 10:35

Prendiamoci per mano

In un periodo di grande prova, la Tana dei Cuccioli della scuola dell’infanzia della Sacra Famiglia e la Comunità Residenziale per anziani Beata Irene Stefani hanno collaborato per accorciare le distanze tra i bambini e i residenti. “La Comunità si è messa in contatto con noi per realizzare un progetto al fine di creare un ponte di comunicazione tra i loro ospiti e i nostri piccoli” ha spiegato Luisa Mantovani, educatrice della Sacra Famiglia.

“Noi insegnanti abbiamo pensato immediatamente a una versione “smart”, cioè audiovisiva, di un progetto che avevamo proposto nel 2014/5 e nel 2016/17 e che volevamo fare anche quest’anno prima che il Covid ci bloccasse: “Prendiamoci per mano e insieme camminiamo”. La richiesta della Comunità Residenziale Beata Irene Stefani è stata qualcosa di tanto inatteso quanto piacevole per le insegnanti e i piccoli della Sacra Famiglia che si sono messi subito al lavoro per creare pensieri, video, foto e lavori da scambiare con gli anziani della casa di riposo. “I laboratori di ‘Prendiamoci per mano e insieme camminiamo’ erano di vario tipo” ha precisato l’insegnante. “Negli anni scorsi avevamo collaborato con Il Faro e la Fondazione “Casa di soggiorno per anziani onlus”, avevamo visitato le rispettive sedi e condiviso momenti di lavoro e gioco insieme. Avevamo portato avanti laboratori di pittura e passato tanti momenti con i familiari di tutte le persone coinvolte. Non ci è venuto difficile con quest’esperienza pregressa rispondere sì alla proposta. Purtroppo però non è stato possibile condividere gli spazi e così abbiamo lavorato insieme ai bambini per costruire una comunicazione a distanza. Abbiamo creato una sorte di ponte digitale, ma che speriamo possa portare agli anziani della Comunità Residenziale la capacità di vedere le cose da una prospettiva diversa che solo i bambini hanno. Vorremmo farli sentire meno soli. Grazie alla loro semplicità e genuinità, i nostri piccoli sanno trasformare le cose più piccole in qualcosa di bello e positivo e il nostro augurio è che questa energia possa essere di compagnia e regalare un sorriso a chi, più di altri, si sente solo”.

MATTIA SAPONARA 18 dic 10:35