lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Pompiano
di SERGIO ARRIGOTTI 22 gen 10:17

Libero chiama Radio Costa

Un libro scritto dai pompianesi a più mani per ricordare la memoria di chi non c’è più. È “Libero chiama Radio Costa”, il libro ideato dal sindaco Giancarlo Comincini che ha invitato in estate la popolazione a scrivere un pensiero in memoria di familiari, amici, conoscenti scomparsi. Solo tra marzo e aprile sono una ventina le persone di Pompiano che sono decedute.

“Non si può dimenticare – ha detto il sindaco –. È necessario lasciare un segno che possa durare nel tempo ed essere tramandato ai posteri”. Ne è nata una raccolta di testimonianze commoventi, quasi un diario sentimentale di Pompiano. Riporta i nomi, le storie, i fatti di tante persone che hanno segnato le vicende del paese. La moglie, il marito, lo zio, l’amica, il nonno. Storie personali, storie di comunità. Il titolo si ispira ai “Racconti del faro”, serie televisiva della Tv dei Ragazzi degli anni ’60. Tra le testimonianze sono molti i pensieri in ricordo di Luciano Ranzenigo, ex impiegato del comune, animatore di gruppi di volontariato, culturali, podistici. Profonda commozione ha suscitato la scomparsa del dottor Massimo Bosio, medico di base caduto sul campo. In tanti hanno ricordato l’ex parroco don Piero Manenti, che è stato pastore, amico, fratello maggiore, e che ha svolto a Pompiano un intenso servizio pastorale. Il libro è stato distribuito in tutte le chiese della comunità, a Pompiano, a Gerolanuova, a Zurlengo. Oggi è a disposizione delle famiglie del paese per il ritiro gratuito in comune. 


SERGIO ARRIGOTTI 22 gen 10:17