lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di LUCA BRESSANINI 29 gen 00:00

Continua il progetto “Rinascimento”: luce su Raffaello

Dopo Giorgione, Savoldo e Fra Bartolomeo la proposta culturale elaborata da Brescia Musei apre al maestro urbinate. La mostra è visitabile sino al prossimo 6 aprile

Dopo Giorgione, Savoldo e Fra Bartolomeo, è Raffaello il nuovo protagonista di “Rinascimento” il progetto portato avanti dalla Fondazione Brescia Musei a partire dalla scorso autunno, giunto all’ultima tappa del ciclo con la mostra dedicata al grande maestro urbinate. L’esposizione riunisce i frammenti della sua opera prima, la Pala Baronci, che raffigurava “L’incoronazione di San Nicola da Tolentino” commissionata all’allora diciasettenne Raffaello nel 1500 da Andrea di Tommaso Baronci per la chiesa di Sant’Agostino a Città di Castello e dipinta con la collaborazione del pittore Evangelista da Pian de Meleto.
Danneggiata in seguito a un terremoto alla fine del ‘700, l’opera venne smembrata, con conseguente dispersione delle preziose tavole di cui era composta, individuate nel tempo in collezioni pubbliche.

Della Pala Baronci è già noto al pubblico bresciano l’Angelo, una delle migliori opere della Pinacoteca Tosio Martinengo, acquistato dal Conte Paolo Tosio nel 1821, che per l’occasione viene esposto insieme a tre prestiti: un secondo Angelo proveniente dal Louvre di Parigi, l’Eterno Padre e la Vergine del Museo nazionale di Capodimonte di Napoli.

A completare l’esposizione il disegno preparatorio della Pala, realizzato da Raffaello, in prestito dal Palais des Beaux Arts di Lille, e la copia parziale di Ermenegildo Costantini (1791), proveniente dalla Pinacoteca di Città di Castello. In attesa della riapertura della Pinacoteca cittadina, che conserva un’altra celebre tavola di Raffaello, il Cristo Benedicente, un evento dunque che offre non solo la possibilità di ammirare in contemporanea assoluti capolavori, ma che testimonia l’impegno dei Civici Musei di attuare un’importante sinergia con altri musei nazionali e stranieri, al fine di valorizzare al meglio il patrimonio artistico della Pinacoteca bresciana.
Il terzo episodio di “Rinascimento” riconferma la vocazione del progetto: un incontro con l’arte dentro e fuori al museo, grazie al ricco programma di attività culturali, dal corso di storia dell’arte alle visite guidate per scoprire le mostre e la città, dagli appuntamenti al museo ai laboratori didattici per bambini e adulti. Valore aggiunto è il catalogo, con il saggio critico principale dedicato al giovane Raffaello di Vittoria Garibaldi, curatrice della mostra “Pérugin, Maîtres de Raphaël”, presso il Musée Jacquemart - André di Parigi, conclusa lo scorso 19 gennaio, e Giovanni Luca Delogu. Il catalogo, edito da Sagep, si aggiunge a quelli di Giorgione, Savoldo e Fra’ Bartolomeo, raccontando un progetto capace di coniugare la qualità della ricerca scientifica alla valorizzazione del patrimonio della Pinacoteca Tosio Martinengo e alle prestigiose collaborazioni con musei italiani e internazionali.

“Raffaello. Opera prima” sarà visibile fino al 6 aprile da martedì a domenica dalle 9.30 alle 17.30. Maggiori info su www.rinascimento.bresciamusei.com.
LUCA BRESSANINI 29 gen 00:00