lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Roma
di REDAZIONE 22 feb 14:08

Congo, Italia in lutto

“Ho accolto con sgomento la notizia del vile attacco che poche ore fa ha colpito un convoglio internazionale nei pressi della città di Goma uccidendo l’ambasciatore Luca Attanasio (nella foto), il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. La Repubblica Italiana è in lutto per questi servitori dello Stato che hanno perso la vita nell’adempimento dei loro doveri professionali in Repubblica Democratica del Congo”. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel messaggio inviato al ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, Luigi Di Maio. “Nel deprecare questo proditorio gesto di violenza gli italiani tutti si stringono nel cordoglio intorno alle famiglie delle vittime, cui desidero far pervenire le condoglianze più sentite e la più grande solidarietà”.

Era nato a Saronno, in provincia di Varese. Avrebbe compiuto 44 anni a maggio. Luca Attanasio, ambasciatore italiano in Congo, è stato ucciso con un carabiniere della sua scorta in un attacco a un convoglio delle Nazioni Unite nel Congo orientale. Aveva tre figlie piccole, due gemelle e una bimba.

Attanasio si era laureato all'Università Bocconi in economia aziendale nel 2001. Due anni dopo è stato nominato segretario di legazione in prova nella carriera diplomatica, nel 2004 la conferma nel ruolo e la nomina a Segretario di legazione.

Una carriera rapida e brillante: secondo segretario commerciale a Berna nel 2006, confermato con funzioni di primo segretario commerciale l'anno dopo, fino al trasferimento a Casablanca con funzioni di Console nel 2010. L'ultimo incarico a Kinshasa nel 2017.

REDAZIONE 22 feb 14:08