lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Roma
di REDAZIONE 02 giu 07:23

Per il Paese un'unità morale

Ascolta

Il discorso del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la Festa della Repubblica: '"Come nel '46 si superino le divisioni. Serve una rinascita civile ed economico''. Il Concerto dal Quirinale è stato dedicato "a chi è morto solo".

“Il 2 giugno si celebra l'anniversario della nascita della nostra Repubblica. Lo faremo in una atmosfera in cui proviamo nello stesso tempo sentimenti di incertezza e motivi di speranza. Stretti tra il dolore per la tragedia che improvvisamente ci è toccato vivere e la volontà di un nuovo inizio. Di una stagione nuova, nella quale sia possibile uscire al più presto da questa sorta di incubo globale". Questo l’invito che il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha rivolto al Paese prima del concerto, dai giardini del Quirinale quest’anno dedicato alle vittime dell’epdemia, in occasione della Festa Nazionale della Repubblica che si celebra oggi.

"Accanto al dolore per le perdite e per le sofferenze patite avvertiamo, giorno dopo giorno, una crescente volontà di ripresa e di rinascita, civile ed economica". Sono state altre parole di Mattarella che ha ricordato così come alla nascita della Repubblica, nel 1946, anche oggi serva "un nuovo inizio. Superando divisioni che avevano lacerato il Paese". Anche allora "forze politiche, che erano divise, distanti e contrapposte su molti punti, trovavano il modo di collaborare nella redazione della nostra Costituzione, convergendo nella condivisione di valori e principi su cui fondare la nostra democrazia. Ora sarebbe inaccettabile e imperdonabile disperdere questo patrimonio, fatto del sacrificio, del dolore, della speranza e del bisogno di fiducia che c'è nella nostra gente. Ce lo chiede, anzitutto, il ricordo dei medici, degli infermieri, degli operatori caduti vittime del virus nelle settimane passate".

Continuando nel suo discorso al Paese il Capo dello Stato ha sottolineando, rifacendosi ancora alle origini della Repubblica come alle reazioni ai lutti, alle sofferenze e alle distruzioni della guerra si sia oggi sostituito “un nemico invisibile, per molti aspetti sconosciuto, imprevedibile, che ha sconvolto le nostre esistenze e abitudini consolidate. Ha costretto a interrompere relazioni sociali, a chiudere le scuole. Ha messo a rischio tanti progetti di vita e di lavoro. Ha posto a durissima prova la struttura produttiva del nostro Paese. Possiamo assumere questa giornata come emblematica per l'inizio della nostra ripartenza. Questo giorno interpella tutti coloro che hanno una responsabilità istituzionale circa il dovere di essere all'altezza di quel dolore, di quella speranza, di quel bisogno di fiducia" ha ribadito il Capo dello Stato. “Tutti, dunque, sono chiamati a un impegno comune contro un gravissimo pericolo che ha investito la nostra Italia sul piano della salute, economico e sociale. Le sofferenze provocate dalla malattia non vanno brandite gli uni contro gli altri. Questo sentimento profondo, che avverto nei nostri concittadini, esige rispetto, serietà, rigore, senso della misura e attaccamento alle istituzioni. E lo richiede a tutti, tanto più a chi ha maggiori responsabilità. Non soltanto a livello politico".

"Sono convinto che insieme ce la faremo – è stato uno degli ultimi passaggi del suo discorso - Che il legame che ci tiene uniti sarà più forte delle tensioni e delle difficoltà. Ma so anche che la condizione perché ciò avvenga sarà legata al fatto che ciascuno, partecipando alla ricostruzione che ci attende, ricerchi, come unico scopo, il perseguimento del bene della Repubblica come bene di tutti. Nessuno escluso". Proprio per ricordare le vittime del coronavirus il presidente Sergio Mattarella, dopo la tradizionale cerimonia della deposizione di un corona all'Altare della Patria, partirà alla volta di Codogno, la cittadina del “paziente uno” dell’epidemia, dove incontrerà le autorità locali.

REDAZIONE 02 giu 07:23