lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Milano
di ELENA FESTA 25 mag 15:10

Musei a cielo aperto in Lombardia

Parte quest'anno il progetto per la promozione, a fini turistici e di ricerca, del patrimonio minerario lombardo ad oggi dismesso, ma comunque visitabile. L'iniziativa prevede l'impiego di quasi due milioni di euro in tre anni.

La Giunta della Regione, su proposta dell'assessore all'Ambiente e Clima, Raffaele Cattaneo, e dell'assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda, Lara Magoni (nella foto), ha approvato la delibera che aggiorna il piano attività di Explora spa e l’accordo 2021-2023 per la promozione del patrimonio minerario lombardo dismesso.

Il patrimonio previsto per l’incarico è di 1.860.000 euro, di cui 149.640 euro a valere sull'esercizio 2021.

"Il 'Programma per il recupero e la valorizzazione del patrimonio minerario - spiega Raffaele Cattaneo - vuole riutilizzare i siti minerari dismessi, nel rispetto della loro conservazione. L'obiettivo è di sviluppare i comprensori minerari regionali, per scopi sia di ricerca che di turismo".

"Il turismo - dice Lara Magoni – è importante per valorizzare luoghi che possono diventare centri di attrazione di prima importanza. Un impegno, quello della Regione, che da tempo prevede interventi di arginamento dei problemi che accomunano tutto l'ambiente montano: lo spopolamento e l'abbandono del territorio. In tal senso, il sostegno delle istituzioni mira a valorizzare le peculiarità di realtà che possono diventare dei veri 'Musei a cielo aperto'".

"Explora - aggiunge l'assessore Cattaneo - metterà a disposizione strumenti e canali per dare supporto alla dg Ambiente e Clima nella promozione delle iniziative. Si cercherà di unire la promozione turistica alla sensibilizzazione dei visitatori sui temi dell'ambiente".

"La valorizzazione del patrimonio minerario- conclude l'assessore Magoni - giunge al termine di un percorso legislativo importante, che dai primi anni 2000 ha coinvolto diversi siti minerari dismessi in varie valli della Lombardia, sempre nel rispetto delle memorie della tradizione mineraria. Il tutto all'insegna di un 'turismo culturale' che si coniuga con l'armonia naturalistica delle vallate lombarde”.

ELENA FESTA 25 mag 15:10