lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Milano
di REDAZIONE 15 mag 07:35

Rolfi: Riaperture? Aspettiamo il Dpcm

Ascolta

La Lombardia, ha affermato l'assessore regionale all'Agricoltura, alimentazione e sistemi verdi, attende dal governo le linee essenziali per i singoli settori in vista del 18 maggio

La situazione Coronavirus in Lombardia, le attese sulle riaperture di bar, ristoranti e parrucchieri, i problemi della filiera del latte e le iniziative di Regione Lombardia per favorire il consumo di prodotti del territorio a filiera corta e certa.

Questi i temi affrontati dall'assessore all'Agricoltura, alimentazione e sistemi verdi Fabio Rolfi intervenuto alla diretta Facebook trasmessa dalla pagina di Lombardia Notizie online.

"I dati di oggi sono positivi - ha sottolineato l'assessore Rolfi parlando dell’emergenza sanitaria - come dimostrano i 522 esiti positivi su 14.080 tamponi, quindi il 3,6%, oltre al numero delle persone guarite che ci aiuta a sfondare la quota totale di 30mila cittadini che non hanno più il coronavirus".

"Un altro dato importante - ha continuato Rolfi - riguarda le persone che escono da terapia intensiva e intraprendono percorso di cure meno intense. Se ci ricordiamo cosa abbiamo vissuto nei momenti di criticità, non posiamo dimenticare che allora erano 1.400 le persone ricoverate in terapia intensiva".

“Il cosiddetto 'R con zero in Lombardia' - ha chiarito l'assessore - è 0,53 contro il dato nazionale di 0,70: i comportamenti che abbiamo imparato ad assumere ci dicono che siamo sulla buona strada".

Altro argomento di grande interesse è quello delle riaperture previste dal 18 maggio. "C'è stato in Regione il confronto con parti sociali, economiche e sindaci - ha spiegato l'assessore Rolfi - per condividere questa fase che inizierà dal 18 maggio: stiamo attendendo il nuovo Dpcm e le linee guida necessarie per i singoli settori. Domani consulteremo il Comitato Tecnico Scientifico. L'obiettivo è la ripartenza in sicurezza, che è il paradigma della Lombardia. È fondamentale che il Governo dia indicazioni precise, poche ma chiare, indispensabili per la ripartenza".

Sul fronte aziende del settore agricolo, le imprese "non hanno mai smesso di lavorare - ha rimarcato Rolfi - garantendo il cibo". "La chiusura del settore ristorazione - ha detto ancora - attende la ripartenza: li aiuteremo, con misure adeguate".

Il lockdown ha dimostrato che il ciclo del cibo è essenziale. "Il nostro Paese - ha evidenziato l'assessore regionale - deve impegnarsi a consumare prodotti nazionali, favorire nelle scelte alimentari la consapevolezza dell'acquisto e consumare locale.Da parte nostra, è in partenza 'Io mangio in Lombardia' e 'Io bevo lombardo', iniziative con le quali sosteniamo il circuito del formaggio Dop di montagna, in particolare sofferenza, acquistando prodotti che saranno destinati a famiglie indigenti. 'Io bevo lombardo' metterà in contatto il ristoratore con le cantine lombarde, chi produce vino e chi lo può valorizzare".

Altro settore delicato è quello del latte: produciamo il 50% del latte nazionale "ma il comparto è in difficoltà per la chiusura del canale ristorazione e bar che non ha dato sbocco a prodotti freschi" ha specificato Rolfi.

La filiera latte rappresenta il cuore pulsante del settore lombardo anche in termini di posti di lavoro. "Abbiamo chiesto al Governo uno stanziamento specifico per compensare la minor produzione di latte in quanto le aziende hanno dovuto ridurre i quantitativi a causa del minore sbocco commerciale".

In merito al 'Decreto Rilancio' l'assessore Rolfi ha confermato che il testo "Contiene anche le nostre proposte su florovivaismo, latte e suini".

Altro tema di grande attualità è la manodopera per la raccolta ortofrutta. L'assessore Rolfi: "Noi proponiamo due misure: coinvolgere tutti i cittadini lombardi disoccupati e che percepiscono redditi di cittadinanza in agricoltura, offrendo loro la possibilità di svolgere un lavoro remunerato e indispensabile. L'altra proposta è aprire 'corridoi verdi' con nazioni di provenienza di manodopera specializzata, come la Romania, senza avventurarsi in altre strade". "Da ultimo - conclude l'assessore - va semplificato l'accesso al lavoro, attraverso il sistema dei voucher".

REDAZIONE 15 mag 07:35