lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di LUCIANO FEBBRARI 09 gen 10:52

Alla scoperta di Beethoven

Dal 13 gennaio al 30 marzo 2020 saranno dedicati a Beethoven ben 14 incontri della stagione di “MusicaStoriaMusiche” promossa dalla Scuola diocesana di musica Santa Cecilia

Gruppi di ascolto della musica classica. La Scuola diocesana di musica Santa Cecilia ha presentato la nuova stagione 2020 di “MusicaStoriaMusiche” che darà ampio spazio alla figura di Ludwig van Beethoven a 250 anni dalla sua nascita (1770). La musica ha la capacità di sorprendere in continuazione. Un po’ come fece proprio Beethoven con la Nona Sinfonia che culmina con il famoso Inno alla gioia; il compositore tedesco, nel 1824 ormai sordo, riuscì a superare le proprie difficoltà per relizzare un capolavoro capace di unire l’orchestra, il coro e i solisti, affidando così all’umanità un messaggio di fratellanza sempre attuale. Dal 13 gennaio al 30 marzo 2020, dalle 18 alle 20 presso il Polo culturale diocesano, saranno dedicati a Beethoven ben 14 incontri della stagione di “MusicaStoriaMusiche” (che sviluppa nel corso della sua programmazione anche altri temi di approfondimento storico-musicale). Lo stile è sempre il medesimo: diffondere la cultura musicale con uno stile divulgativo caratterizzato da serietà e rigore. La proposta di approfondimento musicale e culturale rappresenta un apprezzato ciclo di incontri di guida all’ascolto ideato e realizzato dal maestro Francesco Iuliano, che giunge alla XVII edizione. Questo percorso verrà proposto in forma gratuita al pubblico degli under 30 per promuovere la cultura musicale e offrire ai più giovani l’occasione di conoscere a fondo la figura di uno dei compositori più determinanti nella storia della musica. La grande musica strumentale (Sinfonie, Concerti, Sonate e Quartetti) viene affrontata in sei incontri (13, 20 e 27 gennaio, 3, 10 e 17 febbraio). La Missa solemnis in due incontri (24 febbraio e 2 marzo); Fidelio il 9 il 16 marzo e, infine, “Eseguire Beethoven. Interpretazioni a confronto” il 23 e il 30 marzo. Conferisce ulteriore valore didattico la collaborazione con l’Archivio storico della Resistenza bresciana e dell’Età contemporanea. Alcuni degli incontri nel periodo gennaio-marzo (“La musica strumentale di Beethoven”) vedranno la partecipazione del prof. Rolando Anni che curerà l’approfondimento della cornice storica.

Annunciati i tre concerti organizzati dall’Associazione Amici della Scuola diocesana di musica. In tre domeniche consecutive, dal 19 aprile, tre proposte di ascolto dal vivo di musiche beethoveniane e legate al compositore. Esecutori i docenti della Scuola diocesana (i violinisti Cesare Carretta e Daniele Richiedei, i pianisti Enrico Pompili e Alberto Ranucci) in diverse formazioni: quartetto d’archi, pianoforte solista e pianoforte a quattro mani (insieme ad Alberto Ranucci la pianista Pinuccia Giarmanà, docente del Conservatorio). I concerti saranno preceduti da una contestualizzazione storico-musicologica e stilistica tenuta dal maestro Iuliano (nella foto).

LUCIANO FEBBRARI 09 gen 10:52