lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di ADRIANO BIANCHI 29 ago 12:02

Governo e rispetto della Costituzione

Non ci spaventi, pertanto, se sui nuovi o vecchi media i politici urlano, gridano al complotto, o cantano ridicoli canti di vittoria. Ogni italiano, che ha un minino di educazione civica alle spalle, sa bene che per destreggiarsi in un dibattito, bisogna rispettare la Costituzione

In tempi di crisi di governo se ne dicono e se ne sentono di tutti i colori. Ogni forza politica tira dalla sua parte e cerca di massimizzare il profitto a scapito degli avversari. Se è legittimo che la Lega abbia fatto cadere un governo bloccato dai veti e dai litigi è altresì legittimo che ora Fdl e Forza Italia chiedano le elezioni. E ancora, se è legittimo che in Parlamento si esprimano posizioni opposte è altresì legittimo che Pd e M5s cerchino ora di creare una nuova maggioranza a sostegno della nascita di un nuovo esecutivo. Piaccia o non piaccia il punto è che la legittimità di una linea politica non è da ricercare in argomentazioni a favore o contro o nella forza mediatica di un’idea sull’opinione pubblica in un dato momento, ma la legittimità c’è se così è previsto dalla Costituzione italiana. È ciò che è fuori dalla regola fondamentale che non è legittimo. Non a caso in tempo di crisi “la regia” istituzionale viene affidata al Capo dello Stato, primo garante del rispetto della Carta. Nella crisi la Costituzione è la mappa, il Presidente della Repubblica il nocchiero, il Parlamento, eletto dagli italiani ogni 5 anni, il campo dentro cui si gioca lo scontro e il confronto che portano a formare o meno un governo. Dentro questi limiti avviene la nascita di un governo e se tra questi paletti non avviene, allora sta al “il nocchiero” rettificare questa impossibilità di indire nuove elezioni. Nel rispetto di questa prassi istituzionale c’è la garanzia della legalità e della vita democratica. Non ci spaventi, pertanto, se sui nuovi o vecchi media i politici urlano, gridano al complotto, o cantano ridicoli canti di vittoria. Ogni italiano, che ha un minino di educazione civica alle spalle, sa bene che per destreggiarsi in un dibattito, bisogna rispettare la Costituzione. Qualcuno dice che è datata. Sarebbe possibile un altro schema, magari più rispettoso del sentiment del momento del Paese? Certo, ma bisognerebbe cambiare la Costituzione, almeno una parte. Alcuni ci hanno provato e per ora hanno tutti fallito. E questo non so se è proprio un bene o un male per l’Italia che guarda al domani.

ADRIANO BIANCHI 29 ago 12:02