lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di MARIO RICCI 14 mar 10:31

Beccalossi: Meritiamo la serie A

Ascolta

Riguardo alla promozione, l’ex centrocampista del Brescia, Evaristo Beccalossi, non ha alcun dubbio. E sullo stadio? “Verrà realizzata una struttura più idonea”

Forte del primato in classifica e dei risultati troppo spesso “vietati ai deboli di cuore”, cresce il numero di procuratori, osservatori e “vecchie glorie” al seguito del Brescia Calcio in occasione delle partite casalinghe di campionato allo Stadio Rigamonti. Fra queste, non poteva passare inosservato Evaristo Beccalossi, ex giocatore delle Rondinelle e attuale commentatore televisivo, nonché capo delegazione della nazionale Under 19. Bresciano doc, classe 1956, l’ex centrocampista biancoblù dal 1972 al 1978 e dal 1986 al 1988 ci ha concesso due chiacchiere sulla squadra cittadina, sorseggiando assieme un caffè proprio all’interno del vetusto impianto di Mompiano.

Che voto dà fino ad ora a questo gruppo?

Sta facendo un campionato straordinario, non c’è che dire. Tutti quanti speriamo riesca a raggiungere l’obiettivo della serie A che Brescia e la città merita.

Può essere l’anno della svolta?

Il Brescia deve stare nel massimo campionato. Cellino mi sembra abbia trovato con mister Corini e un gruppo di giovani talenti la giusta amalgama.

Il giocatore che l’ha più colpita?

Tonali: ho avuto la fortuna di lavorare insieme a lui, vi assicuro che è un ragazzo con la testa giusta. Ma devo essere onesto: tutta la squadra sta facendo bene. E noi tifosi dobbiamo spingere e tifare per questi ragazzi. Dobbiamo riportare le Rondinelle in serie A. Quello è il posto che gli spetta.

Ma c’è sempre il problema legato allo stadio…

È vero. Ma ho anche letto e sentito che ci sono diversi progetti per rimetterlo a posto, sistemarlo. Non conosco bene le dinamiche ma finalmente ci si sta lavorando seriamente. Quando posso, faccio un salto con piacere visto che sono nato qui. Sono certo che realizzeranno una struttura più idonea sia per il calcio che per la squadra e per i tifosi, se lo meritano anche loro. L’importante è andare tutti nella stessa direzione.

MARIO RICCI 14 mar 10:31