lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di MASSIMO VENTURELLI 31 ott 13:13

Fuori Norma 2018

Presentata la nuova edizione delle giornate in programma a Brescia dal 9 all’11 novembre prossimo e promosse da Somebody Teatro

Tornano, dal 9 all’11 novembre a Brescia, le giornate di “Fuori norma”, un progetto portato avanti da Somebody Teatro delle diversità, il progetto educativo di teatro integrato coordinato da Beatrice Faedi, che punta sull’espressività come strumento per il superamento delle barriere imposte da disabilità diverse.

Quest’anno l’attenzione degli organizzatori (con Somebody Tetro collaborano tante altre realtà, a partire dal Ctb) è stata posta all’interrogativo di cosa avviene quando qualcuno di questi canali percettivi attraverso cui si entra in relazione con lo spazio e con gli altri subiscono modificazioni, o menomazioni, non funzionano più o lo fanno solo parzialmente. Tutto questo, naturalmente, passando attraverso il teatro, la danza, la musica, le arti figurative, territori in cui la dimensione tattile, uditiva e visiva assume valenze fondamentali, tanto che a volte l’assenza di qualcuna di queste viene messa appositamente in gioco per creare squilibri o nuove dinamiche nelle quali l’invenzione artistica acquista ancora più forza. “Ma tu che senso hai?” è la domanda che fa da filo conduttore alle giornate 2018 di “Fuori norma” nel cui programma trovano spazio incontri, workshop, spettacoli, concerti, e appuntamenti con il circo contemporaneo. Il programma messo a punto dagli organizzatori non rappresenta una semplice rassegna sulla disabilità; gli spettacoli e gli altri appuntamenti messi in cartellone per accostare esperienze diverse che raccontino il corpo nelle sue potenzialità e nei suoi limiti. Ad aprire “Fuori Norma 2018” sarà, giovedì 8 novembre” lo spettacolo “Cafè des Anges” di Somebody Teatro con cui continua la sua riflessione intorno alla diversità e lo fa con l’aiuto della magistrale scrittura goldoniana e di quegli angeli che ne “Il cielo sopra Berlino di Wim Wenders”, si muovono delicati e pieni di malinconia dell’umano tra storie e sofferenza. Lo spettacolo è ospitato dal Teatro Sociale, alle 20.45 e vede gli attori di Somebody Teatro ancora una volta in scena per aiutare a su cosa significhi realmente la parola inclusione.

Tra i tanti appuntamenti da segnalare nel programma di “Fuori Norma” il laboratorio “Silentiose Tracce”, proposto dal collettivo Extraordinario. Si tratta di una proposta itinerante, in cui un gruppo di partecipanti viene chiamato ad essere al contempo spettatore e performer di una creazione collettiva, sul tema del silenzio e a fare un esperienza di silenzio condiviso. Interessante anche lo spettacolo “Scene dalla frontiera” di e con Davide Enia, in programma sabato 10 novembre, alle 20.30, al Sociale che aggiunge un ulteriore tassello di riflessione sul mondo contemporaneo, portando in scena le tragedie dei migranti, una tematica che comunque include i termini di diversità, disadattamento, sofferenza da sempre al centro di questa manifestazione.

Tutto il programma delle giornate 2018 di “Fuori Norma” è disponibile sul sito www.somebodyteatro.it, dove si possono trovare anche informazioni sul costo dei biglietti d’ingresso agli spettacoli in programma.

MASSIMO VENTURELLI 31 ott 13:13