lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di ELISA GARATTI 05 mag 10:08

Emozioni per la prima di The Children

Voglio tornare a teatro! Un grido interiore, che ha preso le forme di una debole speranza corrisposta ad un grande desiderio, ha attanagliato il cuore degli amanti del teatro e non. Dopo oltre un anno di stop, di cadute, di incertezze e di malumori, eccoci finalmente ad urlare: “Stasera si va a teatro!”. Ieri sera, è andata proprio così: il Centro Teatrale Bresciano ha riaperto le porte al pubblico con The Children, in totale sicurezza. Scritto dalla drammaturga Lucy Kirkwood, nella traduzione di Monica Capuani, lo spettacolo diretto da Andrea Chiodi ha portato sul palco tre grandi attori di fama internazionale: Elisabetta Pozzi, Francesca Ciocchetti e Giovanni Crippa.

Una storia coinvolgente ed emozionante quella di Hazel e Robin, una coppia di ingegneri nucleari in pensione che vive in un cottage sulla costa della Gran Bretagna, al riparo (o almeno così sembra) dalle conseguenze del recente disastro: uno tsunami provocato dall’incidente alla centrale nucleare della zona, dove i coniugi hanno lavorato per tutta la vita. A sconvolgere la “routine di sopravvivenza” della coppia, l’arrivo di Rose, una vecchia amica e collega che credevano morta, con una richiesta improvvisa, preoccupante e pericolosa, ma necessaria, di cuore e di responsabilità.

Il pubblico, grazie alla recitazione coinvolgente dei tre attori, ma anche, oserei dire, ai tanti punti di connessione tra quell’emergenza nucleare con quella che stiamo vivendo noi oggi, non ha faticato ad immergersi nel racconto dei fatti. Non solo: le tematiche affrontate (l’ambiente, l’equilibrio tra responsabilità individuale e collettiva, il cortocircuito relazionale tra le generazioni) sono di stringente attualità

L’emozione e la gioia di tornare a teatro era evidente. I lunghi applausi e la palpabile commozione nelle parole conclusive di Elisabetta Pozzi hanno dimostrato che il teatro è mancato. Ma grazie all’impegno, alla forza d’animo e alla perseveranza, si è tornati più forti di prima: la recitazione intensa ed impeccabile degli attori sul palco non ha lasciato dubbi.

The children ritornerà sul palco del Centro teatrale bresciano in numerose repliche, fino al 16 maggio. Per consentire a tutti un sicuro rientro a casa entro le 22, l’orario delle recite serali è stabilito per le 19.30 (tranne il lunedì, giorno di riposo). È confermato per le 15.30, invece, l’orario per le recite teatrali. La durata è di 90 minuti circa.

È stato un salto nella normalità, o quasi. È stato un ritorno alla condivisione della cultura, tanto vessata e dimenticata in questo ultimo anno, ma che ha bisogno di essere valorizzata per rinascere e far rinascere.

ELISA GARATTI 05 mag 10:08