lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di MASSIMO VENTURELLI 12 set 10:58

La 24ª stagione del Politeama

Presentato il nuovo programma teatrale della sala di Manerbio, frutto della proficua collaborazione tra parrocchia e Comune

Prenderà il via il 29 ottobre prossimo, con lo spettacolo “Romeo e Giulietta, l’amore è saltimbanco”, la 24ª edizione della stagione teatrale del Politeama di Manerbio, nata dalla collaborazione tra la parrocchia di San Lorenzo e l’amministrazione comunale. La direzione artistica della stagione è ancora una volta affidata a Vittorio Pedrali che, accanto al percorso della prosa, ripropone per un altro anno “Teatro e Scuola”, con le matinée per le classi degli Istituti di Istruzione Superiore (13ª edizione) e quelle per gli alunni delle scuole primarie e secondaria di primo grado (7ª edizione).

Gaber. Sei, con quello di apertura, gli spettacoli nel cartello della “Stagione del Politeama”. Il 13 novembre arriverà a Manerbio Elio con una nuova riscrittura de “Il Grigio”, il capolavoro del duo di Gaber e Luporini, con l’adattamento e la regia di Giorgio Gallione. Il 5 dicembre farà tappa al Politeama il maestro degli storyteller italiani, Marco Paolini con lo spettacolo “Filo, Filò” che ha il merito di riportare, nella stagione dell’interconnesione, di riportare su un palco l’abitudine di riunirsi nelle stalle, nelle sere d’inverno, per chiacchierare e raccontare storie (alcune vere, altre poco verosimili), con gli uomini che aggiustavano gli attrezzi da campo e le donne che tessevano e filavano. Il 24 gennaio la stagione proseguirà con la compagnia Berardi Casolari e lo spettacolo “Amleto take away”,

un affresco tragicomico che gioca sui paradossi, gli ossimori e le contraddizioni del tempo attuale. Punto di partenza sono, ancora una volta, le parole, diventate simbolo più che significato, etichette più che spiegazioni. Amleto take away è una riflessione ironica e amara che nasce dall’osservazione e dall’ascolto della realtà circostante, che attrae e spaventa.

Villa. Debora Villa, volto noto del cabarettismo capace di conquistarsi uno spazio tutto suo in televisione, il 13 febbraio porterà al Politeama “Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere”, tratto dal best seller di John Gray che si basa su un pensiero semplice quanto efficace: gli uomini e le donne vengono da due pianeti diversi. Altro appuntamento di richiamo è quello che Vittorio Pedrali ha messo in calendario per l’appuntamento di chiusura della stagione. Il 7 marzo 2020: Giacomo Porretti sarà a Manerbio con “Chiedimi se sono di turno”, un monolgo in cui il protagonista, che aveva immaginato per sé un avvenire radioso come calciatore, astronauta o avvocato di grido, si trova con una scopa in mano a lavorare in un ospedale...

Scuola. Quattro gli appuntamenti programmati per “Teatro a scuola”: “Nel mare ci sono i coccodrilli”, il 26 novembre; “Nico cerca un amico”, l’11 dicembre; “Gino Bartali l’eroe silenzioso” in gennaio, e “Aaa cercasi custode per piccolo pianeta” in marzo. La programmazione del Politeama si chiude con gli appuntamenti con animazioni linguistiche per le scuole superiori, curati da Materlingua, il 15 novembre con “La littérature est le visage d’un pays”, un’animazione didattica in lingua francese, e “ Ubuntu Real life of Nelson Mandela”, un’animazione didattica in lingua inglese il 23 aprile

MASSIMO VENTURELLI 12 set 10:58