lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di LINDA BRESSANELLI 05 feb 08:49

Settimana tra fede e tradizione

La parrocchia di Braone ha celebrato la “Madonna Candelora” senza processione; la Pro loco ha organizzato alcuni eventi online

Martedì 2 febbraio, Presentazione del Signore, per la prima volta la parrocchia di Braone ha celebrato la “Madonna Candelora” senza processione e con tutte le restrizioni legate alla pandemia. Lo scorso anno, infatti, fu uno degli ultimi momenti di aggregazione per la comunità, prima del lockdown. L’essenziale induce a riflettere e a fare propri i valori che la festa patronale rappresenta: la fede e la condivisione. Al primo aspetto pensa la parrocchia, con una serie di celebrazioni, al secondo la Pro Loco, che ha messo a punto un programma collaterale di iniziative “virtuali”.

Il parroco, don Fabio Mottinelli, ha scelto di dedicare un’intera settimana a Santa Maria, in modo da dare la possibilità a tutti, dato che la parrocchiale di Braone è piuttosto piccola, di prendere parte alle celebrazioni. Martedì 2 febbraio, dopo l’apertura di domenica scorsa, si è tenuta la messa solenne con la benedizione delle candele, ma senza la tradizionale processione per le vie del centro storico. Anche la ricorrenza di San Biagio, mercoledì, ha assunto una formula diversa, in quanto le norme non permettono la benedizione della gola al singolo fedele, bensì la preghiera collettiva “per la buona salute”. Giovedì sera appuntamento con la Messa delle 20 alla quale sono attesi i bambini, i ragazzi e gli adolescenti di Braone, mentre la messa del venerdì mattina è per le mamme e le spose, con Adorazione e confessioni.

Il culmine dei festeggiamenti si avrà nel fine settimana, domenica in particolare, con alle 14.30 la processione straordinaria con la statua di Santa Maria della Purificazione scortata dalla Protezione Civile, seguita soltanto dal parroco e dal sindaco in rappresentanza delle comunità religiosa e civile di Braone. L’insolito corteo partirà dal sagrato e toccherà tutte le vie del paese. Tutta la popolazione è invitata a seguire il passaggio della processione da casa, addobbando con strisce bianche e azzurre e lumini.

Nonostante l’impossibilità di organizzare eventi per la patrona, la Pro Loco di Braone non ha gettato del tutto la spugna: sabato sera dalle 20.15 si potrà accedere, tramite l’applicazione GoToMeeting, al “Cineforum” che proporrà video delle passate edizioni della festa di Candelora, per ricordare tanti momenti trascorsi in occasione della ricorrenza. E poi c’è la tradizione culinaria, con la “Òia de casunsei” che potrebbe cogliere i braonesi in questi giorni di festa. Si può condividere la propria ricetta dei casoncelli sui social della Pro Loco e provare a cimentarsi nella loro preparazione ritirando gratuitamente gli ingredienti presso il negozio di alimentari del paese.

LINDA BRESSANELLI 05 feb 08:49