lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Lumezzane
di MAURO TONINELLI 17 set 14:15

La Coppa di Speed down

Sicuramente chi ha più anni sulle spalle ricorderà le famose gare dei “caratì” (tradotto carretti) che i ragazzi di un tempo facevano per le vie dei paesi per scoprire il più veloce. La corsa dei caratì consiste nel fare percorsi stabiliti nel più tempo possibile sfruttando la velocità e la forza di gravità.

Certamente non molti di coloro che negli anni si sono divertiti scorrazzando con queste assi con le ruote e un simil-volante si sarebbero immaginati che qualcosa di molto simile sarebbe stato ben presto legato ad una federazione nazionale. In Valgobbia il 27 settembre si terranno le gare della prima coppa di Speed down. Lo speed down è una specialità che rispetta l’ambiente perché i veicoli che gareggeranno non hanno motore, ma si muovono il più velocemente possibile sfruttando la forza di gravità. Le gare si svolgono in location affascinanti sull’intero territorio scolastico. Ai piloti che guidano super tecnologici e velocissimi mezzi gommati si uniscono gli equilibristi sulle tavole, i coraggiosi bikers, i funamboli sulle ruote di ferro e gli spettacolari trikers: una grande festa collettiva, di sana competizione che, oltre ai risultati sportivi, trova nel piacere di stare insieme la vera ragione Per chiunque fosse interessato a partecipare, riportiamo qui che le categorie ammesse sono quelle dalla C1 alla C10 passando per la N5k.

Macchine costruite il più possibile per garantire la sicurezza e la condivisione. Il ritrovo è previsto tutto il giorno del percorso, intorno alle 9.15, cominceranno le manche cronometrate, interrotte solo dalla pausa pranzo che comincerà alle 12.30 e finirà alle 14. La finale si svolgerà fra le prime tre classificate di ogni categoria alle ore 16 e le premiazioni si svolgeranno presso la torre Avogadro alle ore 18. Ai piloti che guidano super tecnologici e velocissimi mezzi gommati si uniscono gli equilibristi sulle tavole, i coraggiosi bikers, i funamboli sulle ruote di ferro e gli spettacolari trikers: una grande festa collettiva, di sana competizione che, oltre ai risultati sportivi, trova nel piacere di stare inazsieme la vera ragione chei accomuna.

MAURO TONINELLI 17 set 14:15