lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di MASSIMO VENTURELLI 07 dic 12:24

A Brescia...aspettando il Natale

Sono moltissime le iniziative e le proposte messe in campo in attesa del 25 dicembre, anche se il senso di questa importante festa va oltre luci e suggestioni

Meno male che gli addobbi che da giorni (in qualche caso addirittura con largo anticipo rispetto all’inizio dell’Avvento) illuminano Brescia e, praticamente, tutti i paesi della provincia distraggono (se mai ce ne fosse stato bisogno, ndr) da polemiche pretestuose e da semplificazioni strumentalizzate ad arte dalla politica. È ancora viva la polemica sollevata dall’invito di quel sacerdote di Padova che ha esortato ad astersi dal fare il presepio anche quei credenti che legano questa importante appartenenza a gesti e realizzazioni simboliche, dimenticando che il dirsi e l’essere cristiani esige l’adesione a valori che non si possono nascondere, come la polvere, sotto il tappeto. E anche se le luci del Natale abbagliano, un di più di riflessione, come si legge anche in questa pagina, è doverosa, al di là di polemiche e strumentalizzazioni.

Città. Meglio tornare alla “magia” e alle atmosfere che affascinano e che abbondano in tutto il Bresciano, a partire dalla città che ha profuso uno sforzo considerevole per promuovere il territorio durante le festività natalizie attraverso eventi e manifestazioni destinati a far vivere e condividere gli spazi urbani della città. “2512X. Tempo di Natale. Brixia” è il titolo scelto per il corposo palinsesto delle festività. “2512 – hanno spiegato da Palazzo Loggia – è l’inizio numerico del codice di avviamento postale della città e nel calendario corrisponde al giorno di Natale”. Un titolo quindi che unisce numericamente e simbolicamente la città al programma creato per vivere il tempo che porta al Natale con partecipazione e un forte senso di identità. Il programma, concentrato nelle domeniche di Avvento, è frutto del coinvolgimento, sin dalla sua progettazione, di moltissime realtà culturali cittadine. Ne è emerso un cartellone che rivela l’ampia creatività culturale di Brescia e il suo essere capace di rappresentarsi nel mondo.

Proposte. Molti, e tutti apprezzati, gli eventi già realizzati. La collaborazione con l’associazione “Liberarti”, che lavora nell’ambito del mondo bibliotecario, ha portato all’organizzazione per il 9 dicembre, di “Happy BriXmas”, che coinvolge attori ed attrici, cori musicali, lettori, artisti che intratterranno per le vie della città bambini ed adulti. Alla manifestazione, inoltre, sarà presente il Bibliobus, l’amatissima biblioteca viaggiante, con laboratori dedicati al libro ed alla lettura. Sempre per quel pomeriggio, “Liberarti” ha creato ulteriori collaborazioni finalizzate a scoprire le bellezze del centro della città. Le guide di “Scopri Brescia”, “Guida Artistica” e la Delegazione del “Fai” di Brescia renderanno possibile la scoperta di ulteriori magie nascoste nelle vie delle centro. Anche la Biblioteca Queriniana sarà eccezionalmente aperta per mostrare i suoi tesori. Il Sistema Bibliotecario Urbano, inoltre, entrato per la prima volta quest’anno all’interno del programma, nelle settimane che precedono il 25 dicembre proporrà letture, corsi, giochi ed approfondimenti, accogliendo bambini ed adulti in una festa che è condivisione e senso di appartenenza alla comunità della città.

Collaborazione. Altra collaborazione che andata rafforzandosi è quella con l’Associazione Festa della Musica Brescia, la cui proposta ci intratterrà domenica 16 dicembre per le vie del centro storico con “Xmas unconventional sound”, un repertorio musicale dedicato ad un Natale riscritto in modo non convenzionale con ritmi folk, rock, pop, funky, jazz, per poi chiudere domenica 23 dicembre con un programma musicale che porterà, grazie alla musica della tradizione, lo Spirito del Natale in città. Non mancano le innumerevoli proposte promosse dalle associazioni culturali cittadine, le tradizionali programmazioni dei tanti teatri, tra i quali Teatro Grande e Teatro Sociale, e l’apposito calendario di iniziative pesante da Fondazione Brescia Musei per vivere il Natale al museo, che quest’anno vede la partecipazione al programma della Pinacoteca Tosio Martinengo e del Museo delle Armi in Castello, recentemente restituiti alla città. Quattro concerti studiati per dare il benvenuto o salutare chi arriva o parte da Brescia in treno, sono targati “Cieli Vibranti” che propone una nuova rassegna musicale che nasce per accompagnare i viaggiatori e per offrire uno spettro delle musiche natalizie del mondo in linea con l’orizzonte multiculturale che è tipico del viaggio.

Provincia. Lo sguardo a quanto propone la provincia parte dal lago di Garda e dal Sebino, come si legge in queste pagine, con una nutrita serie di proposte. Tra le tante iniziative da segnalare “Il Natale nel Borgo” di Bienno, con i vicoli e le piazza del paese che accoglieranno gli espositori del mercatino natalizio e la mostra di 250 presepi ospitata a palazzo Francesconi Rebajoli. Sempre la Valle Camonica propone la 16ª edizione di “Ère da Nadal dal Mut”, il mercatino di Berzo Demo, visitabile dal 7 al 9 dicembre, con le vie del paese che prendono vita grazie alle luci che vanno a ridisegnare i percorsi, le musiche natalizie in sottofondo e il profumo dei rami d’abete decorati con gli addobbi realizzati dalla popolazione. Mercatini di Natale anche in Valsabbia, il 15 dicembre a Treviso Bresciano. L’antico borgo di Bagolino, uno dei più caratteristici dell’intera Valle Sabbia ospita dal 15 dicembre al 6 gennaio una rassegna di presepi allestita in tutto il paese. La “magia” del Natale arriva anche in Valtrompia, con tante iniziative che precedono l’apertura di importanti presepi (Sarezzo & co., ndr.). Domenica 16 dicembre, per esempio, dalle 8 alle 20 in piazza Rota a Bovezzo i Mercatini natalizi.

Lo spazio qui a disposizione, però, non consente di rendere giustizia alla ricchezza delle proposte.

MASSIMO VENTURELLI 07 dic 12:24