lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 10 mag 15:41

Giornata internazionale dell'infermiere

L'appuntamento, dal titolo "Dalla Legge 833/78 agli ordini professionali: 40 anni di evouzione?", è in calendario per sabato 12 maggio nella sala conferenze della Camera di Commercio di Brescia dalle 8 alle 14. L'intervista a Chiara Pedercini, responsabile della Commissione formazione e ricerca del Consiglio direttivo dell'Opi di Brescia

Nel Bresciano sono più di 8.600 gli infermieri. Svolgono un ruolo importante di prossimità al malato. Il 12 maggio 1820 nasceva Florence Nightingale, fondatrice delle scienze infermieristiche moderne. L'international council of nurses, federazione internazionale che raccoglie oltre 130 associazioni nazionali infermieristiche, che rappresentano più di 13 milioni di infermieri, ricorda questa data celebrando in tutto il mondo la Giornata internazionale dell'infermiere. In occasione del 12 maggio e nel quarantesimo anniversario dell'istituzione del Servizio sanitario nazionale, con la Legge 833 del 1978, l'"Ordine delle professioni infermieristiche di Brescia" intende porre all'attenzione dei professionisti, delle istituzioni, delle associazioni e delle cittadinanza il tema del "diritto alla salute per tutti" con un convegno. L'appuntamento, dal titolo "Dalla Legge 833/78 agli ordini professionali: 40 anni di evouzione?",  è in calendario per sabato 12 maggio nella sala conferenze della Camera di Commercio di Brescia dalle 8 alle 14. Ne parliamo con Chiara Pedercini, responsabile della Commissione formazione e ricerca del Consiglio direttivo dell'Opi di Brescia. Alla Giornata di formazione parteciperanno, tra gli altri, anche alcuni esponenti dell'Associazione malati e cittadini che avranno il compito di raccontare "di cosa hanno bisogno i malati".

Veniamo al tema centrale del convegno, il diritto alla salute per tutti. In un periodo di riordino delle cure domiciliari e territoriali, parliamo non solo della Lombardia, qual è la situazione? L'assistenza infermieristica è accessibile a tutti?

La situazione è in fase di chiarimento. La necessità di garantire il diritto al salute. Il fabbisogno infermieristico in ambito territoriale è sempre più urgente. Nasce la necessità di sviluppare in modo ancora più capillare il supporto alla rete centrale ospedaliera. L'Ordine sta lavorando molto su questo aspetto e sta cercando di dare importanza, visibilità e centralità al ruolo infermieristico nella presa in carico dei pazienti a diversi livelli. Il tema della Giornata internazionale è quello del diritto alla salute, dell'equità e dell'accesso alle cure. In questo momento di riordino del servizio della presa in carico del paziente, è bene preservare il diritto alla salute. Noi, infermieri, dobbiamo garantire ai pazienti il servizio e il miglior accesso alle cure, dando un supporto assistenziale ed educativo. Noi vogliamo essere al centro della loro cura. 

REDAZIONE 10 mag 15:41