lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 23 nov 11:15

Lontani ma vicini. Immigrati a Brescia

Martedì 24 novembre, dalle 16 alle 18, viene presentato il rapporto annuale elaborato dal Centro di Iniziative e Ricerche sulle Migrazioni Brescia (CIRMiB), quest’anno intitolata “Lontani ma vicini. L'immigrazione in provincia di Brescia nel 2019-20”. La conferenza si terrà in modalità webinar.

La pandemia da virus SARS-Cov-2 ha investito inevitabilmente anche il fenomeno migratorio di cui il CIRMiB si occupa, ponendosi numerosi interrogativi sulle gravi e durature ricadute a livello economico, politico, sociale e militare, e sui luoghi di origine delle migrazioni internazionali a bassa protezione sanitaria e ad alta densità di popolazione subiranno.

Nell’area bresciana, di cui il CIRMiB dà consueto conto nel MigraREport, i dati sanitari raccolti lo scorso aprile, complice il difficoltoso monitoraggio della situazione infettiva e sanitarie fra le famiglie straniere, confermano una sotto-rappresentazione della componente straniera tra i malati di Covid-19: in Lombardia, solo il 6,5% di chi ha avuto un tampone positivo aveva la nazionalità straniera (quando la percentuale di residenti è 11,9%); a Brescia, gli stranieri risultati positivi al Covid-19 rappresentavano a fine aprile il 4,2% del totale dei positivi. In provincia di Brescia, le nazionalità più colpite sono quelle che contano una maggior presenza sul territorio provinciale: romena (95 casi, corrispondente al 20% dei casi), albanese (67 casi, 14%), pakistana (41 casi, 8%), ucraina (35 casi), indiana (23 casi), marocchina (22 casi) ed egiziana (21 casi, 4%).

A fronte delle dirette e indirette conseguenze della pandemia sulla popolazione straniera, fra cui il minor accesso ai servizi sanitari, l’interruzione delle attività economiche e lavorative, la riduzione delle reti di aiuto e difficoltà burocratico-organizzative nella sepoltura dei congiunti deceduti, il tessuto sociale bresciano ha mostrato una buona tenuta, grazie agli sforzi profusi dal mondo associativo, cooperativo e dalla rete tra cittadini e istituzioni locali e alle azioni di solidarietà spontanee promosse tra e nelle numerose comunità religiose.

Per informazioni, formazione.permanente-bs@unicatt.it

Il seminario si svolgerà tramite Cisco Webex Meeting. Il link dell´evento è il seguente:

https://unicatt.webex.com/unicatt-it/onstage/g.php?MTID=eb5ac765c2e1f62ea7197e52dcfcd0e5f

REDAZIONE 23 nov 11:15