lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 27 dic 07:52

Morto a Venezia Carlo Maria Maggi

È scomparso ieri un altro protagonista di una delle pagine più buie della storia bresciana del secolo scorso, condannato all’ergastolo come mandante della strage di piazza della Loggia. Manlio Milani: "Morendo si è portato via tante verità"

È scomparso ieri un altro protagonista di una delle pagine più buie della storia bresciana del secolo scorso. A Venezia, all’età di 84 anni, è morto infatti Carlo Maria Maggi, protagonista di fatti di terrorismo legati all'estrema destra durante gli anni di piombo e condannato all’ergastolo come mandante della strage di piazza della Loggia, a Brescia. Da anni in precarie condizioni di salute, era agli arresti domiciliari dopo la condanna all'ergastolo confermata dalla Cassazione il 20 giugno 2017 per la strage del 28 maggio 1974.

Fondatore della cellula veneta di Ordine Nuovo, Maggi era membro del Msi da cui fu espulso a fine anni Sessanta perché ritenuto appunto legato al terrorismo "nero". Condannato a 12 anni di carcere per "reato associativo nel processo per la strage di Peteano" (31 maggio 1972), fu assolto, dopo una condanna in primo grado all'ergastolo, per la strage di piazza Fontana a Milano (12 dicembre 1969) e per quella alla questura di Milano (17 maggio 1973), mentre nel 1988 subì una condanna a nove anni per ricostituzione del partito fascista.

"Carlo Maria Maggi morendo si è portato via tante verità". Questo il commento di Manlio Milani, presidente dell'associazione familiari vittime della Strage di Piazza Loggia, alla notizia della morte di Carlo Maria Maggi, condannato all'ergastolo con Maurizio Tramonte. "Mi sono sempre augurato che Maggi venisse lasciato morire a casa e non in cella per le sue precarie condizioni di salute - ha spiegato ancora Milani all’agenzia di stampa Agi -. Nell'ultimo processo non si è mai presentato in aula e ha tentato di uscirne proprio in ragione della sua malattia. Lui, come tanti altri, ha preferito portarsi nella tomba tutto quello che sapeva".


REDAZIONE 27 dic 07:52