lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Flero
di LORENZO PRANDELLI 07 lug 13:13

Festa della Madonna di Contegnaga

Martedì 7 luglio inizia a Flero la novena di preparazione per la Festa della Madonna di Contegnaga nel Parco di via Breda: alle 20 il rosario e alle 20.30 la Messa. Mercoledì 15 luglio, dopo la Messa, i sacerdoti si recheranno al santuario per una preghiera di ringraziamento e di affidamento a Maria in occasione della riapertura. Giovedì 16 luglio la festa della Madonna del Carmelo

A Flero la contrada di Contegnaga ha cambiato faccia. Sì, l’intera contrada ha assunto un vero nuovo volto da quando il recente restauro conservativo ha rinnovato l’aspetto e dato un caldo, ma delicato colore a tutte le facciate del piccolo santuario parrocchiale.

Tutto sembra più chiaro, pulito, luminoso. Anche le antiche case che fanno corona e compagnia alla chiesetta sembrano più serene e accoglienti. Il tutto grazie all’opera paziente e puntigliosa, molto precisa e competente, che un gruppo di persone ha messo in atto per ridare vita e splendore al nostro santuario.

Ma raccontiamo tutto dall’inizio. Lo scorso anno 2019 è stato celebrato il primo centenario della dedicazione al culto pubblico della chiesa di Contegnaga. Allora, eravamo nel 1919, la proprietà dell’edificio sacro era della famiglia Albini che da molti anni lo utilizzava ome oratorio privato.

A partire da quella data, la chiesetta è aperta al pubblico e destinata al culto della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, in disponibilità della parrocchia di Flero. Per ricordare l’anno giubilare era stato programmato il restauro delle facciate esterne della piccola chiesa, così da lasciare un segno visibile a ricordo dell’avvenimento, ma al contempo di riparare gli acciacchi del tempo che cominciavano a farsi notare.

Le pratiche burocratiche necessarie per le varie autorizzazioni hanno richiesto più tempo del previsto, così la festa annuale del 16 luglio 2019 è stata celebrata con la chiesa nella solita veste esterna, rimandando l’intervento alla stagione autunnale. A quel punto è mancata la disponibilità della ditta esecutrice, per cui i lavori sono stati posticipati alla successiva primavera. Lo scorso mese di marzo sono cominciati i lavori tanto attesi, ma l’epidemia ha subito bloccato ogni intervento. Solo a maggio, terminato il lockdown, sono ripresi e celermente sono stati portati a compimento. A giugno tutto era terminato.

Innanzi tutto è stata condotta un’indagine conoscitiva per capire quale fosse il colore originale delle facciate. Quindi un’accurata opera di ripristino ha curato le ferite lasciate dal tempo sui cornicioni e sulle superfici delle pareti: cedimenti degli intonaci, crepe di assestamento, erosioni provocate dalle intemperie. Quindi, scelto il colore più adatto, è toccato a una ditta flerese di tinteggiature e decori  il delicato e impegnativo compito di predisporre le superfici al nuovo colore; stendere diversi strati di aggrappante a protezione delle pareti e a sostegno della tinta e di completare poi con il colore definitivo.

Nel frattempo, approfittando della presenza dell’impalcatura realizzata veramente ad opera d’arte, e stata data una sistemata ai coppi, ripuliti i canali pluviali, messo in sicurezza il campaniletto con un nuovo alloggiamento per la campanella. Anche quest’ultima ha subito un necessario maquillage che ci ha permesso di scoprire che la campana di Contegnaga è impreziosita con bellissimi rilievi decorativi. Ugualmente è stata ripulita la croce ferrea che svetta sottile sulla punta del timpano di facciata ed è stata ripristinata, nel suo alloggiamento sotto la croce, la bandierina segnavento che era scomparsa, logorata dal tempo. Ammirevole è stato l’intervento dell’officina “ Gabusi e Chiesa” di Flero  che ha realizzato la nuova artistica bandierina. A conclusione dei lavori, è stata rinnovata anche l’illuminazione della facciata, con l’utilizzo di moderne ed ecologiche luci a led.

La realizzazione di questa  opera ha richiesto la partecipazione di diverse persone, con differenti competenze, ma con la medesima volontà e determinazione di riportare il nostro santuario al suo splendore originario, con opere di restauro e risanamento conservativo delle facciate esterne.

Il committente è don Alfredo Scaroni, parroco di Flero, insieme al Comitato per il santuario di Contegnaga. La parte preparatoria di studio e di predisposizione delle pratiche burocratiche e il controllo delle opere è stata curata dallo Studio Tecnico Associato “Archingeo” di Flero.  Per la parte storica ed artistica, prezioso e competente è stato il lavoro della professionista in restauro e conservazione Beni Culturali: Carla Valzelli di Mazzano. Per  il trattamento delle superfici e del colore dobbiamo ringraziare vivamente la ditta “Chiarini e Marinoni” di Flero. L’impresa edile “Edil Magri” di Flero.

A tutti quanti si sono dati da fare nelle diverse competenze e professionalità a realizzare questa significativa opera di restauro conservativo e di valorizzazione del nostro patrimonio storico-artistico e religioso va il nostro più grande applauso e il più vivo ringraziamento. I fedeli di Contegnaga sono orgogliosi e fieri del rinnovato santuario. Lì ha il suo centro di riferimento e propulsivo la devozione alla Madonna che da generazioni è invocata quale madre che indica la via per giungere alla Santa Montagna: Gesù Cristo il Salvatore.

Purtroppo le regole conseguenti all’epidemia di coronavirus non hanno ancora permesso di riaprire al culto la chiesa della Madonna di Contegnaga. Anche la prossima festa del 16 luglio dovrà essere celebrata all’aperto, nel parco di via Breda, nel rispetto della normativa anti covid. Però durante quella giornata, tutti potranno godere del restauro compiuto e visitare la Madonna nel suo santuario che per la circostanza sarà aperto alle visite private.

Il programma delle celebrazioni

Martedì 7 luglio inizia la novena (sono esclusi il sabato e la domenica) di preparazione nel Parco di via Breda: alle 20 il rosario e alle 20.30 la Messa. Mercoledì 15 luglio, dopo la Messa, i sacerdoti si recheranno al santuario per una preghiera di ringraziamento e di affidamento a Maria in occasione della riapertura. Giovedì 16 luglio, festa della Madonna del Carmelo, alle 8.30 la Messa, alle 20 il Rosario e alle 20.30 la Messa solenne sempre nel parco di via Breda. Il 16 luglio il Santuario della Madonna di Contegnaga è aperto per le visite private dalle 8 alle 11 e dalle 18 alle 22.


LORENZO PRANDELLI 07 lug 13:13