lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di AMELIA MORGANO 15 mar 11:40

Lo sport in oratorio

Lo sport oratoriano è un anello fondamentale per lo sviluppo integrale dei giovani e per la crescita del sistema sportivo italiano

Generazioni di italiani si sono sbucciate le ginocchia nel campetto dell’oratorio e molti campioni sportivi sono nati e cresciuti in Oratorio. Fin dalle origini dell’Oratorio si è pensato allo sport come una componente irrinunciabile, con la convinzione che stando insieme, ascoltando, pregando, giocando, sfidandosi su un campo si imparasse a vivere.

È un legame lungo 75 anni quello del Csi, alleato convinto dello sport negli oratori; attraverso la sua proposta sportiva educativa, afferma che lo sport in oratorio non è lo sport dove vincere non conta, ma è lo sport dove al centro c’è la persona, dove tutti possono essere migliori, dove si sviluppano amicizia, dialogo, uguaglianza, rispetto, solidarietà, è lo sport che si pratica avendo gusto di farlo insieme. Lo sport non è qualcosa solo da guardare, ma da vivere e praticare e, come Chiesa, non dovremmo delegare ad altri il compito di educare con lo sport. Il valore dello sport praticato e vissuto negli oratori, ci deve aiutare a dare il meglio di noi stessi, a scoprire i nostri limiti e ci insegna a lottare per migliorare ogni giorno. In un recente documento pubblicato dal dicastero per i laici, la famiglia e la vita intitolato “Dare il meglio di sé” emerge la grande considerazione che da lungo tempo la Chiesa Cattolica nutre verso lo sport. In esso si analizza in sintesi la storia del fenomeno, si offre una lettura antropologica dal punto di vista dei valori, sulle sfide e le derive – tra cui doping e corruzione –, per finire con la descrizione del ruolo giocato (e ancora da giocare) dalla Chiesa in questo settore.

Mai come oggi penso si debba tornare ad un maggior protagonismo dello sport oratoriano, riconoscendo da un lato che lo sport si pratica prevalentemente fuori dagli oratori e dalle parrocchie, ma riconoscendo anche dall’altro lato che l’allontanamento della pratica sportiva dagli ambienti oratoriani e parrocchiali ha portato ad uno svuotamento valoriale e di senso dello sport stesso.

Lo sport praticato negli oratori è stato ed è ancora oggi un anello fondamentale e indispensabile per lo sviluppo integrale delle giovani generazione e al tempo stesso per la crescita del sistema sportivo italiano, perché l’oratorio non è realtà “altra” rispetto all’identità del sistema sportivo, anzi è parte delle sue fondamenta più lontane

AMELIA MORGANO 15 mar 11:40