lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di DAVIDE ALESSI 02 set 15:03

In ricordo delle Fiamme verdi

Come da tradizione, la prima domenica di settembre al Mortirolo c'è l'atteso raduno della Fiamme Verdi camune e bresciane, oltre che di tutti coloro che credono nei valori della Resistenza contro il nazi-fascismo

Come da tradizione, la prima domenica di settembre al Mortirolo c'è l'atteso raduno della Fiamme Verdi camune e bresciane, oltre che di tutti coloro che credono nei valori della Resistenza contro il nazi-fascismo. Luogo simbolo dell'incontro è la chiesetta di San Giacomo, con il suo ampio spiazzo erboso che anche in questa occasione ha accolto autorità civili, militari e religiose, tanta gente comune e turisti di passaggio che si sono raccolti attorno a circondare l’altare ligneo dello scultore Mauro Bernardi posto all'esterno della chiesetta dedicata al Santo protettore dei viandanti e di chi percorre le vie dei monti. Quest’anno il ritrovo del Mortirolo ha visto anche la presenza del Vescovo di Brescia, Mons. Pierantonio Tremolada, il sindaco di Brescia, Emilio Del Bono che ha svolto anche l'orazione ufficiale della giornata. Erano presenti il Presidente della Provincia di Brescia, Samuele Alghisi, ed il neoeletto Presidente di Comunità Montana e Bim di Vallecamonica, Sandro Farisoglio; con loro numerosi sindaci del territorio, accolti dai rappresentati delle Fiamme Verdi bresciane, Alvaro Peli e Roberto Tagliani, e da una delegazione dell'Anpi, con la curata regia di Ezio Gulberti, Presidente delle Fiamme Verdi camune e la benedizione al programma da parte di Mons. Tino Clementi, infaticabile cappellano dell'Associazione. Al Mortirolo hanno dato forte segnale di presenza anche vecchi partigiani, penne nere con labari e gagliardetti, associazioni combattentistiche e d'arma, rappresentanze di altre forzi militari. Il Mortirolo, terra sacra della guerra Partigiana e luogo simbolo della Resistenza intervalliva, ancora una volta ha celebrato, grazie alla forte presenza di molte diverse fedi civili ed alle parole incisive degli interventi ed alla meditazione proposta dal Vescovo, il tema della Pace come valore irrinunciabile per il quale vale la pena di spendersi, fino al sacrificio della propria vita.

DAVIDE ALESSI 02 set 15:03