lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Gianico
di DAVIDE ALESSI 10 set 09:59

La Bala creela, il gioco in strada

L’antico gioco della “Bala creela”, che si giocava negli assolati pomeriggi delle domeniche nelle contrade camune, viene riscoperto da “Tocatì”, il festival internazionale dei giochi in Strada che si tiene a Verona sabato 14 e domenica 15 settembre

L’antico gioco della “Bala creela”, che si giocava negli assolati pomeriggi delle domeniche nelle contrade camune, dopo un mezzo secolo di oblio, oggi viene riscoperto da “Tocatì”, il Festival internazionale dei giochi in Strada che si tiene a Verona sabato 14 e domenica 15 settembre. I migliori giocatori della Valle saranno presenti a giocare nel centro storico scaligero. Infatti, giocavano a palla i romani e lo facevano con gusto, allegria, sportività e tanta passione. Lo dice anche l’antica tradizione bimillenaria della Vallecamonica dove, secondo le ricerche dello storico gianichese Franco Comella, uno dei giochi con la palla più affascinanti, la “Bala creèla”, era certamente un grande intrattenimento popolare, culturale, identitario dei camuni, con un crescente successo fino a quando i centri storici e le contrade della valle sono stati invasi dalle automobili.

Ruolo fondamentale e dominus della Bala Creela è quello del “Batidur” che viene scelto per indubbie doti fisiche, atletiche, di leader, di forza, di astuzia, acume e capacità di creare squadra e abbattere gli avversari con eleganza, furbizia e determinazione, come sostiene anche il giovane e già molto apprezzato Batidur Riccardo Mondini. Per giocare a bala creèla è indispensabile tornare ai campi di gioco della storia: le vie, le piazze, le contrade dei centri storici dei paesi camuni che devono essere liberati dalle auto per far posto ai magnifici tornei della dura palla di pelle d’asino o capra che ricopre un denso grumo di crini di cavallo. La Comunità montana di Vallecamonica ha tenuto a battesimo anche la sede della “Bala creèla” a Gianico, inaugurata nell’edificio dell’ex-Municipio questa primavera. All’interno è stata allestita anche una mostra storica delle più belle foto di gruppi e giocatori che si sono dati sportiva battaglia nello storico gioco romano-camuno. La storica Bala creèla camuna, con il sostegno del Distretto culturale della Comunità montana di Vallecamonica, sarà dunque giocata a Verona nel centro storico.

DAVIDE ALESSI 10 set 09:59