lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Corna di Darfo
di ELISA GARATTI 01 apr 10:05

La Bottega della Carne è un'eccellenza

Duro lavoro, sacrifici, impegno e passione: sono questi gli ingredienti che hanno consentito a La Bottega della carne di Corna di Darfo di entrare nel registro delle “Eccellenze Italiane”, il progetto nato per proteggere e diffondere la qualità dei prodotti made in Italy, in Italia e nel mondo. “Siamo molto fieri del premio che abbiamo ricevuto. È stata una grande sorpresa: non ce lo aspettavamo – confessa Pietro Antonioli, titolare de La Bottega della carne –. La nostra è una piccola macelleria, che si è sempre focalizzata sul km 0. È un duro lavoro, per cui essere motivati a continuare è importante. Anzi, un premio di questo tipo invoglia a proseguire e migliorare sempre di più”. La Bottega della Carne porta in tavola carne di alta qualità condita da una lunga tradizione familiare.

La macelleria nasce nel 1985 e, ancora oggi, nell’azienda agricola The Milk di Gianico, diretta da Giuseppe Antonioli, fratello di Pietro, vengono allevati circa 320 animali, nutriti con foraggi prodotti nei campi di loro proprietà presenti sul suolo della Bassa Valle. Ogni anno nascono circa 120/130 vitelli. Quotidianamente, due volte al dì, invece, vengono munte 120 vacche, producendo circa 3.500 litri di latte al giorno, che poi viene trasformato in Grana Padano. Non solo: La Bottega della Carne produce anche numerosi salumi e il salame della famiglia Antonioli è stato premiato come il 3° miglior salame della Valle Camonica. Tutti i prodotti sono disponibili in macelleria: ognuno di essi è contrassegnato dal codice di certificazione “Eccellenza italiana”. “Anche i nostri clienti sono molto felici. Del resto, garantire un’alta qualità della carne, rendendo disponibile ogni dettaglio dell’animale, della sua età, del cibo di cui si è nutrito e del luogo dove è stato allevato dà sicurezza alle persone. Il Km 0 è il nostro punto forte” conclude Pietro Antonioli.

ELISA GARATTI 01 apr 10:05