lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Sonico
di DAVIDE ALESSI 07 mag 11:18

Spacciatori all'assalto di Exodus

Ascolta

La Cooperativa Exodus della galassia di Don Mazzi credeva di averle viste tutte: eppure in questi ultimi tempi si sta verificando una recrudescenza da parte di spacciatori che in ogni modo contattano gli ospiti della Cooperativa fornendo loro droga, partendo sopratutto dalla cocaina

Attiva da ormai 30 anni sul territorio, la Cooperativa Exodus della galassia di Don Mazzi, a Sonico, credeva di averle viste tutte: eppure in questi ultimi tempi si sta verificando una recrudescenza da parte di spacciatori che in ogni modo contattano gli ospiti della Cooperativa fornendo loro droga, partendo soprtatutto dalla cocaina. Gli Ospiti della cooperativa Exodus, attualmente 28, grazie alla convenzione con la Cooperativa Inexodus hanno tutti un'occupazione socialmente utile, inserita nel progetto di ergoterapia voluto da don Mazzi. Quindi a fine mese prendono il loro sitpendio: e questo, agli spacciatori, è purtroppo noto. La Comunità è controllata attraverso il sistema di monitoraggio continuo e autocontrollo, ma evidentemente non basta: gli spacciatori attendono gli ospiti nei luoghi e nei momenti più impensati, anche perché la sede non ha cancelli chiusi né fili spinati. E' una precisa impostazione terapeutica e sociale che richiede ai ragazzi ospiti la massima responsabilità e l'impegno della forza di volontà. A volte, anche agli operatori più preparati e con maggior esperienza cadono le braccia di fronte alle ricadute dei loro ragazzi, dopo percorsi di recupero, che vanificano il lavoro fatto: eppure l'esperienza e la rete sociale dice che una via è sempre aperta ed è quella dell'aumento della prevenzione a tutto campo. Il tentativo continuo di assalto da parte di spacciatori verso i ragazzi della comunità di recupero è comunque noto alle forze dell'ordine che continuano la loro azione senza sosta sul territorio: ma è evidente che da parte di tutta la comunità civile serve fare uno sforzo maggiore perché per i giovani ci sia un futuro a tinte meno fosche.

DAVIDE ALESSI 07 mag 11:18