lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Piamborno
di LINDA BRESSANELLI 11 set 09:23

Tre suore dal Kosovo alla Valle

In un periodo come questo, che segna la ripartenza vera e propria dopo il lockdown e i mesi estivi, le parrocchie di Piamborno e Cogno hanno dalla loro parte tre nuove importanti figure per ricominciare le attività. In paese sono arrivate infatti tre suore: suor Irene, suor Giuliana e suor Alesia, sorelle di sangue originarie del Kosovo, ma residenti in Italia da anni, fino a poco tempo fa al servizio di alcune parrocchie a Brescia.

A raccontare con entusiasmo dell’arrivo delle religiose è il parroco don Cristian Favalli, che ha espresso fortemente il desiderio di far tornare le suore, che mancavano da Cogno dal 1998 e da Piamborno dal 2001: “Ho esposto in consiglio pastorale l’importanza della presenza delle suore in oratorio e nella vita della comunità parrocchiale, e tutti ci siamo trovati d’accordo. Avevamo già anche una casa dove ospitarle: la canonica lasciata vuota dal curato don Ettore Gorlani, che è parroco a Villachiara dal 2018. Abbiamo trovato la disponibilità e la sensibilità di mons. Giovanni Palamini, vicario episcopale per la vita consacrata, che ci ha indicato le tre sorelle e che voglio ringraziare ancora una volta per l’interesse dimostrato”.

Le suore, che appartengono alla congregazione Apostoli di Maria, sono già state accolte dalla parrocchia di Cogno domenica scorsa, con la messa presieduta da mons. Palamini e il pranzo al ristorante, mentre il 13 toccherà a Piamborno festeggiare il loro arrivo con la cerimonia alle 10:30 nella parrocchiale cui seguirà lo spiedo presso lo stand dell’oratorio. Due momenti diversi organizzati con lo scopo di dare la possibilità di partecipare a tutti senza che si creassero assembramenti.

Suor Irene, suor Giuliana e suor Alesia si metteranno al servizio di entrambe le comunità, partecipando alle attività dell’oratorio, al catechismo e all’animazione liturgica, facendo visita agli ammalati e prestandosi come collaboratrici della scuola Maria Ausiliatrice di Cogno.

LINDA BRESSANELLI 11 set 09:23