lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
04 dic 16:51

Colloqui sulla Scienza

Ascolta

Il 3 dicembre alle 17.45 si è svolta, nell’Università degli Studi di Brescia nell’aula Falcone e Borsellino del Dipartimento di Giurisprudenza in via Mameli, la prima di una serie di conferenze organizzate dalla fondazione Camillo Golgi dal titolo colloqui sulla Scienza

Il 3 dicembre alle 17.45 si è svolta, nell’Università degli Studi di Brescia, nell’Aula Falcone e Borsellino del Dipartimento di Giurisprudenza in via Mameli, la prima di una serie di conferenze organizzate dalla fondazione Camillo Golgi dal titolo ‘colloqui sulla Scienza’ dove, dopo il saluto del Magnifico Rettore della Università di Brescia, il Professor Maurizio Tira, e l’introduzione del Professore Enrico Agabiti Rosei, Presidente della Fondazione Golgi, il professore Giulio Gorelli, Ordinario di Filosofia della Scienza presso l’Università Statale di Milano, ha parlato dell’importanza del metodo scientifico. Ha condotto la discussione il Dottor Pino Donghi, semiologo, esperto in comunicazione della Scienza.

“Soprattutto in ambito medico – afferma il prof. Enrico Agabiti Rosei, Presidente della Fondazione Golgi – esistono dei fenomeni di scetticismo che si sono diffusi in una parte della popolazione, purtroppo amplificati dall’uso del web e dei social media. È questo il caso dei movimenti no vax, delle fake news sul cancro o dei siti che diffondono informazioni false su terapie miracolose di alcune gravi malattie. Si rende quindi assolutamente necessario riaffermare che l’applicazione del metodo scientifico rappresenta l’unica possibilità per acquisire conoscenze solide, provate, basate sulla evidenza e la trasparenza”. 

La fondazione Camillo Golgi, nata più di 30 anni fa da un progetto di collaborazione fra rappresentanti del mondo imprenditoriale e professionale e del mondo accademico bresciano, ha l’obiettivo fondamentale di promuovere e sostenere in modo concreto la ricerca biomedica, anche attraverso il supporto a iniziative culturali volte alla educazione e all’applicazione del metodo scientifico.

04 dic 16:51