lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Paitone
05 ago 14:35

L'Assunta in Santuario

Novena in Santuario per la festa dell'Assunta, giorno in cui saranno celebrate le Messe ad ogni ora, dalle 6 del mattino fino alle 11 (Messa presieduta da mons. Olmi)

In preparazione alla Solennità dell’Assunta, lunedì 15 agosto, data in cui si ricorda come il giorno in cui apparve la Beata Vergine nel lontano 1532 al giovane Filippo Viotti, presso il Santuario di Paitone, il parroco don Santo Pontigia, grazie alla collaborazione di mons. Giacomo Canobbio, propone, durante la Novena in Santuario dal 6 agosto fino al 14 agosto, una serie di riflessioni che avranno come filo conduttore le opere di Misericordia spirituali e corporali : alle 20 si reciterà il S. Rosario, seguirà la celebrazione della S. Messa alle 20.30 con don Flavio Dalla Vecchia (6 agosto), padre Giancarlo Caprini (7 agosto), padre Mario Toffari (8 agosto), fra Marco (9 agosto), padre Enzo Turriceni (10 e 11 agosto) e mons. Giacomo Canobbio (12 – 13 e 14 agosto).

Il giorno dell’Assunta saranno celebrate le Sante Messe ad ogni ora, dalle 6 del mattino fino alle 11, messa che presiederà S. E. Mons. Vigilio Mario Olmi. Durante la mattinata saranno presenti diversi sacerdoti per permettere a tutti di accostarsi alla Confessione. La serata si concludera’ con la liturgia dei Vespri alle 17, il S. Rosario alle 18 e la S. Messa alle 18.30. Alle 21 il Coro Erica allietera’ i presenti con i canti per terminare con l’estrazione dei biglietti della sottoscrizione a premi. I pellegrini possono accompagnare il ristoro spirituale ad un ristoro diverso presso il bar  e cenare dalle 19 circa.

Nel Santuario è presente una tela del Moretto, che ritrae la Vergine con il giovane Filippo. Di questa si narra: “Fu ordinata la Pittura al Moretto, il quale con ogni applicatione si diede a compor la figura della Vergine, nella guisa, che riferiva il Rustico (il contadinello): ma affaticandosi invano, pensò, che qualche suo grave peccato gl’impedisse l’effetto, onde riconciliatosi con molta devozione con Dio, prese la Santissima Eucarestia, ed indi ripigliò il lavoro, e gli venne fatta l’Imagine in tutto somigliante a quella, che aveva veduta il Contadino, che ritrasse a piedi, col cesto delle more al braccio”.

05 ago 14:35