lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
Serle
di VITTORIO BERTONI 16 apr 15:14

La Strada dei cavatori

La nuova strada provinciale Nuvolento-Paitone-Serle, attesa da oltre vent'anni, è finalmente realtà

Taglio del nastro per la "Strada dei cavatori". La nuova strada provinciale Nuvolento-Paitone-Serle, attesa da oltre vent'anni, è finalmente realtà. Comprensibile dunque la soddisfazione della nutrita rappresentanza di autorità politiche e istituzionali intervenute sabato 14 all'evento. Un obiettivo che le tre amministrazioni comunali hanno perseguito con grande caparbietà durante il loro mandato, come hanno sottolineato i sindaci di Nuvolento Giovanni Santini, di Serle Paolo Bonvicini e di Paitone Dante Freddi e che si è potuto concretizzare grazie all'aggregazione dei Comuni e all'impegno sottoscritto con la Provincia per una compartecipazione della spesa pari al 30% su un totale di 1 milione di euro. “La strada – ha precisato Santini – è la metafora della vita. Indica il cammino, mette in contatto, facilita gli scambi commerciali, allarga gli orizzonti. Desidero ringraziare tutte le persone che in questi anni si sono impegnate, a partire dall'ufficio tecnico intercomunale che ha progettato l'intervento conclusivo, con risparmio di tempo e di risorse”.

La nuova strada consentirà di raggiungere più comodamente il centro abitato di Serle. “Il nostro comune – ha spiegato Bonvicini - ne beneficerà in termini pratici, perché risulta più facilmente raggiungibile dal fondovalle per i cittadini, per le imprese e anche per i tanti turisti che salgono sull’altopiano di Cariadeghe e al Monastero di San Bartolomeo”. Dai sindaci e dai rappresentanti di provincia e regione si è levato un appello al Prefetto di Brescia Annunziato Vardè a farsi portavoce delle istanze dei piccoli Comuni, per renderli in grado, anche attraverso le aggregazioni, di realizzare opere necessarie per i cittadini. “Queste opere - ha affermato Vardè – sono la dimostrazione che la tenacia e l'impegno delle persone da un lato e la rete che si crea tra amministrazioni dall'altro rappresentano i pilastri necessari per lasciare segni tangibili”. La nuova strada, che ha avuto la benedizione del vicario episcopale mons. Italo Gorni, attuale parroco di Gavardo, ma per tanti anni parroco di Serle, è stata percorsa da un corteo di colorate auto storiche e di mezzi di soccorso. La mattinata si è conclusa nel centro di Nuvolento con un altro momento di festa dedicato alla conclusione dei lavori di rinforzo e consolidamento statico con sostituzione della copertura della scuola primaria intitolata a Giuseppe Bortolotti, medaglia d'oro al valor militare del primo conflitto mondiale.

VITTORIO BERTONI 16 apr 15:14