lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Salò
di REDAZIONE 09 apr 11:00

Salò: Mussolini resta cittadino onorario

Ascolta

Il Consiglio comunale di Salò ha respinto la mozione avanzata dal consigliere di minoranza Stefano Zane. Il sindaco Cipani ha deciso che la discussione debba essere rimandata alla prossima amministrazione.

Salò è uno dei numerosi comuni bresciani in cui Benito Mussolini figura ancora come cittadino onorario. Nonostante la mozione del consigliere di minoranza Stefano Zane, il Consiglio comunale di Salò ha deciso di lasciare le cose come stanno. Si sono pronunciati favorevoli alla sospensiva ben 14 consiglieri. Le motivazioni della richiesta di sospensiva sono state illustrate da Gualtiero Comini, secondo cui “questa mozione ha causato una diatriba tra le diverse fazioni in campo che ha creato forte pregiudizio e pesante turbativa alla situazione politico-amministrativa della nostra città”. Il sindaco Cipani ha sottolineato che vorrà affidare la questione alla prossima amministrazione cittadina, la cui elezione è prevista per il 26 maggio 2019. Saranno chiamati alle urne i cittadini di Salò: Giampiero Cipani (per lui in caso di elezione sarebbe il quarto mandato) affronterà gli altri due candidati, Marina Bonetti e Giovanni Ciato (“Salò Futura”).
 

Mussolini è riconosciuto come cittadino onorario anche in altri comuni bresciani, come Cocccaglio, Bovegno, Capriano del Colle, San Zeno, Milzano, Adro, Barbariga, Bedizzole, Frontignano, Rovato, Virle Treponti, Manerba, Ghedi, Azzano Mella, Bornato, Provaglio d'Iseo, Soiano del Lago, Trenzano, Brandico e Collio. C'è poi anche Brescia città dove, nonostante la mozione avanzata nel 2017 da Sinistra Italiana, la situazione è rimasta la stessa. Diversa è invece la presa di posizione del comune di Bergamo, che ha tolto a Mussolini lo status di cittadino onorario lo scorso 12 marzo. 

La pubblicazione della concessione della cittadinanza onoraria di Benito Mussolini è avvenuta il 27 maggio del 1924, quasi 95 anni fa, data che ha sancito l'inizio della dittatura. A 74 anni dalla sua morte, il Duce resta ancora nelle pagine della storia di numerose città italiane.

REDAZIONE 09 apr 11:00