lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
Brescia
di REDAZIONE 29 mag 09:04

"Voce ai sindaci"

Il primo appuntamento di "Voce ai sindaci" - l’iniziativa che il settimanale diocesano ha lanciato da qualche anno per aiutare le singole comunità chiamate al voto amministrativo a conoscere, al di fuori di ogni contrapposizione partitica, i progetti messi in campo nei diversi Comuni del Bresciano - prende il via questa sera a Palazzolo

Prende il via stasera a Palazzolo il percorso di “Voce ai sindaci", l’iniziativa che il settimanale diocesano ha lanciato da qualche anno per aiutare le singole comunità chiamate al voto amministrativo a conoscere, al di fuori di ogni contrapposizione partitica, i progetti messi in campo nei diversi Comuni del Bresciano.  “Voce” rinnova, quindi, la propria disponibilità a parrocchie e gruppi del territorio a organizzare e gestire interviste pubbliche con i diversi candidati in corsa nei Comuni bresciani.  Chi fosse interessato a riproporre l’iniziativa “Voce ai sindaci” può prendere contatto con la redazione del settimanale (030578541) per definire tempi e modalità di questo tipo di confronto.

Saranno 12 i Comuni bresciani che domenica 11 giugno andranno al voto per la scelta del sindaco e del consiglio comunale. Si tratta (in ordine alfabetico) di Acquafredda, Cazzago San Martino, Darfo Boario Terme, Desenzano, Gottolengo, Gussago, Malonno, Mura, Oldolo, Palazzolo sull’Oglio, Paspardo e Provaglio Valsabbia. Undici sono le Amministrazioni che arrivano al rinnovo per scadenza naturale, per la dodicesima, quella di Mura, in Valsabbia, 790 abitanti, si tratta di un ritorno anticipato alle urne per le dimissioni, sul finire dello scorso anno, del sindaco Umberto Corsini. Più di 100mila (103.056) sono i cittadini coinvolti in questa tornata amministrativa. Per partiti e movimenti politici, a cui in questa nuova corsa elettorale si stanno affiancando tante formazioni civiche, il test è di quelli importanti. Al voto vanno infatti quattro Comuni con popolazione superiore ai 15mila abitanti per i quali molto probabilmente sarà necessario il ricorso al ballottaggio il 25 giugno. Si tratta di una prospettiva che rende quanto mai importanti alleanze e strategie, come banco di prova per altre consultazioni elettorali.

REDAZIONE 29 mag 09:04