lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb tw gplus yt left right up down cloud sun
di CLAUDIO PAGANINI 19 lug 15:53

Datemi un punto di appoggio

Da cosa ripartire per costruire un successo? Non soltanto nello sport ma anche nelle esperienze umane la “ripartenza” è il modo che consente di accettare le sconfitte o le sofferenza del passato per guardare al futuro con la speranza di successo e di felicità

I mondiali di calcio, Russia 2018, sono ormai storia passata.  I vincitori festeggiano e gli sconfitti si pongono le domande scontate: come si fa a vincere? Cosa abbiamo sbagliato?

Ciascuno dà la sua interpretazione.  Per qualcuno sono cicli che finiscono; per altri è nato un modo nuovo di interpretare lo sport; altri ancora, dicono, la vera molla del successo è la fame degli atleti poveri.

La domanda vera diventa: da cosa ripartire per costruire un successo?  Non soltanto nello sport ma anche nelle esperienze umane la “ripartenza” è il modo che consente di  accettare le sconfitte o le sofferenza del passato per guardare al futuro con la speranza di successo e di felicità. O si cresce o si muore,  sintetizza qualcuno! E si cresce, ogni volta che si trovano soluzioni creative e intuizioni fantasiose.  Insomma, fare qualcosa, anche semplice, a cui gli altri non hanno pensato. Anche questa è una chiave di successo. Come ricorda Archimede: datemi un punto di appoggio e vi solleverò il mondo. Semplice e geniale!

Il “che fare”, se lo sono chiesto gli italiani dopo l’eliminazione anzitempo della nazionale.

La Juventus, per non annoiarsi troppo con le vittorie, ha deciso di ripartire nel prossimo campionato acquistando Cristiano Ronaldo (CR7) per una cifra scandalosamente favolosa.

Non sono da meno le realtà bresciane: Cellino al Brescia ha resettato tutto il passato. Tabula rasa completa: nuovo allenatore, nuovi dirigenti, nuovi impiegati, nuovo staff medico, nuovi giocatori, nuova sede. Per ora si è salvato solo il padre spirituale!  (per ora!!!). Ma anche nuovo Centro sportivo a Torbole ed allo Stadio Rigamonti nuova erba e nuove sedie. E tutto questo per aumentare gli abbonati paganti e puntare alla sere A. La Feralpi a Salò (pur avendo vinto il titolo nazionale Beretti ed il premio Fair Play per la capacità amministrativa ed educativa espressa dalla società) ha fatto il colpaccio ingaggiando Andrea Caracciolo: è lui il punto di partenza per cercare di vincere il campionato.

Nelle sorprese cittadine c’è pure il Basket Brescia Germani. Avrà un punto di partenza nel nuovo Pala Leonessa,  sorto sulle ceneri del vecchio ciambellone EIB. Una nuova casa capace di accogliere 5000 tifosi seduti. Ma la Germani sarà stuzzicata anche dalla nuova esperienza nella Coppa Europea. 

Considerando i tanti punti di appoggio, l’unica certezza vera sarà l’entusiasmo dei tifosi.  Quello sì e un punto di appoggio che non cambia mai.


CLAUDIO PAGANINI 19 lug 15:53