lock forward back pause icon-master-sprites-04 volume grid-view list-view fb whatsapp tw gplus yt left right up down cloud sun
di NICOLA SALVAGNIN 08 ott 10:03

Nessun pasto è gratis

Sta circolando in Italia l’idea che la valanga di soldi in arrivo dall’Europa con il Recovery Fund) sia gratis. Un gigantesco regalo di Babbo Natale per rilanciare l’economia italiana. Sbagliato, e di grosso. Una fetta (in realtà enorme) è sì un vero regalo: si tratta di ben 81,4 miliardi di euro che ci verranno dati a fondo perduto. Per una cifra di dieci volte inferiore qualsiasi governo precedente si sarebbe leccato i baffi. Ma l’Italia di oggi ha perso in soli sei mesi un decimo del proprio reddito prodotto normalmente in un anno: un tracollo così di solito si verifica per una guerra. Gli altri 127,4 miliardi di euro in arrivo, cifra ancor più mostruosa, sono prestiti che verranno spesi sotto l’occhiuto sguardo dell’Europa. Ripeto: soldi dati in prestito, a condizioni favorevoli, ma da restituire. Entrano direttamente nel debito pubblico del Paese più indebitato d’Europa. Le prossime generazioni ne godranno i frutti; le prossime generazioni lo dovranno restituire. È comunque un bel regalo: i mercati finanziari mai ce li avrebbero dati, se non a condizioni usurarie, come capita a chiunque sia indebitatissimo e non dia garanzie di restituzione. L’Europa ci viene incontro per rilanciarci, e mette sul tavolo una somma tale da riformare nel profondo la nostra economia in vista dei prossimi decenni. Qui sta il punto. Se è certo che le prossime generazioni dovranno rimborsare i debiti contratti adesso e dalle generazioni precedenti, bisogna che questo flusso di denaro produca nuova ricchezza per provvedere a quelle restituzioni. Si chiamano investimenti e, come ha detto recentemente Mario Draghi, devono essere buoni, produrre frutti. A spendere e spandere alle slot machine e all’osteria sono bravi tutti. A cambiare la struttura di un’economia – e di una pubblica amministrazione saldamente ancorata alla metà del Novecento – sono bravi solo i bravi. Sarà il caso che scelte così importanti siano valutate non con kermesse mediatiche che lasciano il tempo che trovano (ricordate gli Stati generali di giugno? No? Appunto), o da qualche singolo ministro “balengo”, ma dal meglio che questo Paese può mettere in campo. Si può fare. E rimane sempre lo stesso consiglio: copiare dai più bravi, senza vergognarsi. Purtroppo noi da tempo siamo rimandati o bocciati: ma siamo geneticamente furbi. Facciamoci furbi, guardiamo verso Nord e copiamo. Sapendo che il 6 striminzito non sarà sufficiente.

NICOLA SALVAGNIN 08 ott 10:03